Nell’ambito dell’operazione denominata “Sea Holiday”, negli ultimi giorni, i Finanzieri della Tenenza di Tricase hanno portato a termine una serie di controlli fiscali nei confronti di soggetti proprietari di immobili, dai medesimi ceduti in locazione nel periodo estivo.

L’attività ispettiva ha riguardato l’esame delle dichiarazioni dei redditi, prodotte da quattro locatori, per gli anni 2007, 2008 e 2009, al fine di verificare l’avvenuta comunicazione all’erario dei relativi redditi fondiari.

Nei casi di specie i soggetti sottoposti a controllo avevano provveduto a dichiarare, quale reddito fondiario esclusivamente quello derivante dal possesso dell’immobile omettendo di comunicare al fisco gli introiti percepiti in seguito alla locazione degli stessi immobili nel periodo estivo ai turisti in visita nel Salento.

La suddetta attività ispettiva ha permesso di €. 24.137,00 e la conseguente segnalazione all’Agenzia delle Entrate competente per territorio di quattro persone, per presentazione di dichiarazione dei redditi infedele.

In un altro caso, la stessa attività di verifica ha permesso di accertare che il titolare di alcuni immobili, realizzati abusivamente e pertanto sottoposti a sequestro, in barba ai suggelli apposti sugli stessi, a seguito di apposito provvedimento dell’Autorità competente, aveva rimosso detti sigilli e concesso in locazione due mini appartamenti a due famiglie giunte nel Salento per trascorrere un periodo di ferie.

Per tale comportamento il proprietario degli immobili è stato denunziato a piede libero all’ Autorità Giudiziaria per “Violazione dei doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a pignoramento ovvero a sequestro giudiziario o conservativo”, fattispecie penalmente rilevante prevista e punita dall’art.349 del Codice Penale. Il soggetto e rischia la reclusione da sei mesi a tre anni e la multa da €.103,00 ad €.1.032,00.