Sabato 11 dicembre, alle ore 18, nel Palazzo Ducale di Cavallino di Lecce, in anteprima assoluta in Italia, la presentazione del nuovo libro di Roberto Pazzi “Mi spiacerà morire per non vederti più “( Corbo editore).

L’incontro è organizzato dal Comune di Cavalino su progetto di Alessandro Turco ed in collaborazione con Verbamanent. Coordina la giornalista Katia Buttazzo.
Il romanzo rivisita il passato con attenzione al presente e al duello fra Occidente e Islam, fra Europa e popoli emergenti. Narra il passaggio, non indolore, di civiltà, da quella pagana a quella cristiana. Uno scontro di mentalità,  etica, valori e ideali, sullo sfondo di Roma antica occupata dai barbari, in piena età longobarda.

Roberto Pazzi, scrittore e poeta ferrarese, ha esordito in poesia con una silloge prefata da Vittorio Sereni. Il suo esordio narrativo avviene nel 1985 con Cercando l’Imperatore, prefato da Giovanni Raboni. E’stato due volte Premio Selezione Campiello, Premio Superflaiano, Premio Montale, Comisso, Stresa e due volte finalista al Premio Strega. Già collaboratore del Corriere della Sera e ora del New York Times, è tradotto in 26 lingue. E’ pubblicato nella Storia e Testi della Letteratura Italiana di Giulio Ferroni, edita da Mondadori per l’Università, da Einaudi per la Scuola.
La critica, concordemente, lo colloca sulla linea fantastico-visionaria della nostra narrativa.
“The Observer”, lo descrive come “un fuoriclasse della scrittura: il successore di Italo Calvino”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

11 − dieci =