“Sono molto dispiaciuto – dichiara l’attaccante uruguayano Ernesto Javier Chevanton, attraverso il sito ufficiale dei giallorossi – per aver lasciato la squadra in inferiorità numerica nel momento in cui dovevamo recuperare il risultato nella gara di ieri contro la Sampdoria.

Non penso, comunque, che il fallo che ho commesso su Marilungo meritasse il cartellino rosso. Subito dopo aver ricevuto l’espulsione – spiega il bomber sudamericano – ho avuto un gesto di stizza e per questo voglio chiedere scusa a tutta la gente, ai tifosi, al mister e ai miei compagni e alla società. Ci tengo anche a scusarmi con l’arbitro, il Sig. Gava, per il comportamento che ho avuto. Ci tenevamo molto ad ottenere un risultato positivo contro i blucerchiati e i miei compagni, sebbene con un uomo in meno e sotto di due gol, hanno avuto una grande reazione e sono andati vicini dall’ottenere un pareggio che, secondo me, sarebbe stato meritato. Ora spero che quello che ho fatto ieri non mi costi molte giornate di squalifica, perché ho una gran voglia di contribuire, assieme ai miei compagni, al raggiungimento della salvezza”

 



CONDIVIDI