Foto Andrea StellaNel quarto Turno Eliminatorio della Tim Cup, di scena al “Friuli” il Lecce viene sconfitto ai tempi supplementari dai bianconeri, dopo una partita piacevole e vibrante, giocata alla pari da giallorossi e bianconeri.

Parte fortissimo il Lecce, e al 17’ passa in vantaggio con Chevanton.

 

Il bomber uruguaiano, riceve il pallone sulla trequarti dal connazionale Grossmuller, e lascia partire un bolide che si infila alla sinistra di Belardi, a fil di palo.
Al 79’ arriva il pareggio dei bianconeri su penalty concesso per un fallo di Diamoutene su Floro Flores. Sul dischetto si presenta Corradi che con una potente conclusione piuttosto centrale, beffa Benassi che si era tuffato alla sua destra.
In piena zona Cesarini potente conclusione al volo di Ofere che si stampa sul palo. Terminano così i tempi regolamentari, si va ai tempi supplementari, e quando oramai le due squadre si avviano alla lotteria dei calci di rigore, Floro Flores raccoglie un pallone su mischia e lascia partire un preciso diagonale di destro che infila Benassi. Ad attendere l’Udinese agli ottavi la Sampdoria.

Questo il tabellino dell’incontro:

Udinese: Belardi 6,5, Angella 6,5, Coda 6, Zapata 6, Cuadrado 6, Morosini 6, Badu 6,5 (19 st Sanchez 6,5), Pasquale 6; Abdi 6,5; Corradi 7, Denis 6,5 (27′ st Floro Flores 7) (12 Koprivec, 11 Domizzi, 3 Isla 27 Armero). All.: Guidolin  

Lecce: (4-3-1-2): Benassi 7, Donati 6, Rispoli 6, Diamoutene 6,5, Brivio 6; Grossmuller 6, Coppola 7 (7′ sts Locci sv), Piatti 6,5 (24′ st Falco 6); Bergougnoux 6,5; Ofere 6,5, Chevanton 6,5 (26 st Falcone 6)(Petrachi, 54 Kostantinovic, 52 Crescente, 53 Nunzella). All.: De Canio  

Arbitro: Peruzzo di Schio.

Reti: pt. 17′ Chevanton (L); st. 33′ su rigore Corradi; sts 15′ Floro Flores.
Angoli: 6-5 per l’Udinese
Spettatori: tremila.

Ammoniti: Bergougnoux, Grossumuller per gioco falloso, Donnati per gioco non regolamentare, Coda per fallo di mani.

 

Dario De Carlo

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.