“La decisione presa dall’amministrazione provinciale guidata da Antonio Gabellone sul licenziamento dei lavoratori precari rappresenta un atto gravissimo che getta improvvisamente nello sconforto circa quaranta famiglie di dipendenti provinciali

che da anni erano già impegnati in provincia e sul quale il gruppo consiliare di IDV chiede un immediato ripensamento al fine di poter prevedere ad individuare tutti gli strumenti possibili affinché sia garantito il diritto al posto di lavoro costituzionalmente previsto.”
Esordisce così il capogruppo IDV in provincia Gianfranco Coppola che riferisce “di aver sentito alcuni dipendenti che si sono visti notificare le lettere che avviano le procedure di recesso dopo che erano stati assunti a tempo indeterminato con una procedura concorsuale ed un piano di stabilizzazione concordato anche con le organizzazioni sindacali dalla precedente amministrazione, alcuni dopo anni di lavoro a tempo determinato o co.co.co. all’interno dell’Ente.
Questa iniziativa della giunta Gabellone che non ci risulta sia stata vagliata attraverso il confronto sindacale, strumento imprescindibile quando si tratta di andare a toccare la “pelle” dei lavoratori, non vorremmo che rappresenti una sorta di subdolo tentativo politico di espellere i lavoratori stabilizzati dalla precedente giunta di centrosinistra così delegittimandola per cercar di far posto poi ad amici degli amici.
Ancora una volta viene dimostrata l’insensibilità di questa amministrazione di centrodestra nei confronti del mondo del lavoro troppo spesso messo in secondo piano rispetto a pretese esigenze di bilancio.
Per queste ragioni il sottoscritto consigliere capogruppo, unitamente al consigliere regionale e provinciale di IDV Aurelio Gianfreda saranno impegnati per perorare la causa dei lavoratori il cui destino e quello delle loro famiglie, purtroppo oggi sembra segnato dall’espulsione dal mondo del lavoro.”