“Il punto conquistato stasera è assolutamente meritato.” Dice il tecnico, Luigi De Canio. “La squadra ha tenuto bene il campo per tutto l’arco della gara contro un’Inter che, va detto, non è quella formazione spumeggiante delle ultime stagioni, ma può sempre sempre contare su tanti campioncini

in erba, senza contare giocatori del livello di Zanetti, Lucio, Milito ed altri ancora. Anche noi abbiamo lamentato le solite assenze in difesa ed abbiamo dovuto sopperire a tali defezioni inventando la coppia di centrali: malgrado questo, Giuliatto ha offerto una buona prestazione.
Ai ragazzi ho detto che, continuando ad avere questo atteggiamento in campo, l’obiettivo-salvezza potrà essere alla nostra portata.
Il duello più avvincente di stasera? Rispoli-Eto’o, ma anche Olivera-Zanetti. Quest’ultimo confronto ha dato l’esatta dimensione del giocatore uruguaiano; dato che il Lecce non dispone di giocatori di grande fisicità, Olivera, con la sua prestanza, garantisce maggiore solidità alla nostra squadra. Quel che gli chiedo è una più costante presenza in zona tiro ma, complessivamente, ritengo che sia, ormai, sulla strada del completo recupero agonistico”.

L’Inter di Rafa Benitez va a ritmo lento, ma il tecnico nerazzurro non si sente il solo responsabile del momento no dei campioni d’Italia. ”Se manca intensita’ la responsabilita’ e’ di tutti, quelli che vanno in campo e quelli che lavorano da fuori – ha detto lo spagnolo, a Sky, dopo il pari a Lecce – Non reggono i paragoni con l’anno scorso, ogni campionato e’ una corsa diversa”. Poi Benitez se la prende con la sorte: ”Ci e’ mancata fortuna, spero di ritrovarla in altre occasioni: l’anno scorso certe occasioni le avremmo trasformate in gol”. Ora, il messaggio di Benitez ”facciamo bene nel derby e ribaltiamo le cose”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciassette − 14 =