Utilizzavano dei dispositivi elettronici di richiamo per le allodole, i due cacciatori vicentini, denunciati nella mattinata in un agro del comune di Ugento.

I due cacciatori sono stati colti in flagrante dai corpo forestale di Gallipoli, mentre cercavano di attirare le allodole nascosti tra la vegetazione, sotto dei teli militari con i dispositivi di richiamo che per legge sono vietati e pertanto considerati illegali.

Adesso i due vicentini sono stati denunciati e hanno subito il sequestro del proprio armamentario: richiami, armi, cartucce e anche 8 allodole precedentemente abbattute.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 − sei =