Si è conclusa Martedì 23 Novembre la quarta edizione di XFACTOR: una finale lunga, ma densa di emozioni. Tantissimi gli ospiti dal trio Aldo Giovanni e Giacomo a Elisa ai Take That, che per la prima volta si esibiscono in Italia dopo quindici anni, per finire con gli Skunk Anansie (che hanno duettato con Nathalie), Francesco Renga (che ha duettato con Davide) e i Tiromancino (che hanno duettato con Nevruz).

Davide Mogavero, data la sua voce graffiante, e dall’aspetto che “tanto piace alle ragazzine”, sembrava essere il vincitore ideale, invece a sorpresa, la vincitrice per la prima volta da quando è iniziato questo programma è una donna: Nathalie GianniTrapani che si è aggiudicata anche il premio della critica. Nevruz Joku, invece, noto più per le sue abilità di trasformista e per le sue performance eccentriche e originali che per le sue doti canore, si è dovuto accontentare del terzo posto. Davide, Nathalie e Nevruz erano i tre finalisti di X FACTOR.
Dopo i duetti previsti, i nostri tre protagonisti hanno riproposto i loro inediti: Nathalie con il brano “In punta di piedi”, Davide con “ Il tempo migliore” e Nevruz con “Tra l’amore e il male”. Il primo ad abbandonare il programma è stato proprio Nevruz che ha salutato e ringraziato tutti in studio. C’è chi ha sottolineato che è stato un atteggiamento poco rock.
I due finalisti rimasti si sono esibiti in un duetto piano e voce per finire poi con un pezzo a cappella.
Davide, che è stato sostenuto vivamente da Mara Maionchi, è un nostro conterraneo, ha diciassette anni ed è nato a Salice Salentino. Nonostante la sua giovane età ha già tentato di partecipare al festival di Sanremo dopo essersi classificato al secondo posto al Salento Festival del 2008. Studia canto e chitarra ed ha composto alcuni dei suoi pezzi. A Salice sono in corso i preparativi per la festa per  il ritorno del ragazzo che manca oramai da mesi dal suo paese.
Date le leggi che vietano la presenza in diretta tv di minorenni, Davide a mezzanotte è scomparso dalle scene e si è temuto di dover assistere a una finale senza un vincitore reale, infatti, nell’eventualità sarebbe stato il padre a ritirare il premio. Ogni paura è stata vanificata quando è stato pronunciato il nome di Nathalie che si è quindi aggiudicata un contratto discografico di trecento mila euro.
La pupilla di Elio, nonostante un inizio in sordina, è cresciuta artisticamente nel corso del programma fino a conquistare il pubblico, dando ragione al suo mentore quando la definiva “una gattina con gli artigli”. La sua è stata definita “una vittoria in punta di piedi”. Elio, giudice di gara, si è dimostrato il vero talent scout di questo programma, due finalisti su tre appartenevano alla sua squadra, davvero un successo per lui! Nonostante gli ascolti non da record, soprattutto per una finale, anche questa edizione di X FACTOR ci ha regalato nuovi talenti e promesse  del panorama musicale.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − dieci =