Sensibile, determinato, testardo, talentuoso, espressivo, amorevole, sono aggettivi con i quali si può descrivere Giuseppe Muscatello, pittore salentino autodidatta dalle infinite risorse artistiche e dall’ incredibile carica introspettiva.

Un’arte che si ispira al Rinascimento, a quel periodo della storia artistica e culturale che viene identificato anche come Umanesimo. Ed è così che si definisce Giuseppe, un umanista, con poca attenzione per le scienze e per lo studio in genere. Eppure, il suo bagaglio culturale è notevole, ma lui preferisce esprimersi attraverso l’arte che considera la valvola di sfogo per raccontare un mondo che non gli appartiene. La sua pittura è semplice, snella, tra i soggetti prevalgono armoniosi corpi di donne, che l’artista considera fulcro del genere umano, molto spesso mercificate per la loro avvenenza .

“La mia arte” è la sua frase ricorrente, segno di una passione viscerale per le opere che realizza. Le sue pennellate sono leggere ma decise e ama delineare i contorni con una linea di demarcazione. Nato nei primi anni ’70, si accosta al mondo artistico dopo la fase adolescenziale e lo fa da autodidatta. Si accorge in seguito che avrebbe potuto indirizzare i suoi studi verso le materie artistiche, ma impara da solo in fretta e si confronta con il mondo che lo circonda. Nel 1994 espone alla sua prima personale di pittura ad Otranto e negli anni successivi partecipa a numerose iniziative organizzate da Associazioni Artistiche locali, fino ad esportare la sua Arte oltre i confini salentini, in un concorso Nazionale di Pittura nel comune di Triverio, Biella.

Non ama i concetti post-moderni di Arte, Giuseppe Muscatello, crede nell’opera da realizzare attraverso uno ricerca personale e da esporre all’ammirazione o alla critica di un pubblico attento e sensibile. “Mia compagna di viaggio è la malinconia” è il suo motto, tipica espressione di un animo inquieto e ribelle, peculiarità di un artista. Lo studio del maestro si trova a Giurdignano, in provincia di  Lecce, paese in cui vive e lavora. Gli eventi artistici sono reperibili sul sito personale www.angolodellarte.com.