Venerdì 5 novembre prosegue la programmazione dell’Istanbul Cafè di  Squinzano con Le Strisce, band di Napoli ma sfacciata come i giovani  gruppi inglesi, affamati di successo e armati semplicemente di un pugno  di canzoni forti, che ti si attaccano addosso e non ti mollano più

Le ispirazioni di Davide (voce), Andrea (chitarra), Enrico (chitarra),  Francesco Zoid” (basso) e Raffaele (batteria) pescano nei classici, dai  Beatles a Dylan, fino ai moderni epigoni di un rock n’roll retrò,  graffiante e romantico come fanno gli Strokes, i Kooks o i giovanissimi  Arctic
Monkeys, aggiungendo infine un pizzico di beat, che anche noi  italiani ci ricordiamo tanto bene. E poi ci sono i testi. Semplici,  diretti e pungenti, raccontano storie di ragazzi e di vita quotidiana,  con il piglio sarcastico e l’ironia disincantata dei giovani di una  città del sud Italia. Ragazzi che non credono più nella società in cui sono cresciuti e in cui vivono, che non si riconoscono nè
riscontrano i  propri gusti nella musica italiana. Le Strisce, quindi, hanno creato le  loro canzoni, la loro musica e la colonna sonora della nuova Swing in Napoli.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × 3 =