Sabato 6 novembre alle ore 20 verrà inaugurato il nuovo Salento Showroom –Tourist Office una vera e propria vetrina espositiva per aziende di primaria importanza e qualità.
Il primo evento vedrà come protagonista il percorso fotografico di Bruno Barillari: scatti dei giorni della vendemmia nelle più note Aziende locali che rimarrà in esposizione sino al 13 novembre. 

Sempre il giorno dell’inaugurazione da non perdere alle ore 21.30 Andrea Padova in “short walking concert”.
In concomitanza partirà il primo appuntamento: “Vin-dotto. Tutto ciò che porta al vino” che permetterà ai visitatori, per ventuno giorni consecutivi, di degustare vini, partecipare alla presentazione di libri ed ammirare mostre al suo interno.
In un ampio e suggestivo ambiente, nel cuore del centro storico di Lecce, vicino alla chiesa di Sant’Irene, sono stati predisposti una serie di spazi espositivi per garantire una presenza adeguata alle Aziende vinicole della nostra regione.: Feudi di Guagnano, Cupertinum – cantina sociale cooperativa di Copertino, Azienda vinicola Tormaresca, Tenute Mater Domini, Azienda Vinicola Marco Maci, Cantine Due Palme, Azienda Vinicola Duca Carlo Guarini, e Sanchirico.

Di seguito gli eventi in programma dal 6 al 28 novembre.

Le presentazioni di libri:
Cinque incontri saranno dedicati alla presentazione di libri di vario genere (romanzi, poesie etc.) attinenti, in modo frizzante e particolare, al tema del vino. Ad ogni libro sarà collegata un’Azienda vinicola, che presenterà e farà degustare i propri prodotti durante lo svolgimento dell’incontro.

–    Gianluca Mossuto, Al profumo di fichi, Lupo Editore 2010, con introduzione di Gavino Coradduzza (11 novembre 2010, ore 18:30)
Mossuto racconta la storia di una “lontana estate salentina, la favola di un’infanzia libera e selvaggia tra affetti certi e luoghi ormai irriconoscibili, per quanto ancora più preziosi nel ricordo. La casa completamente circondata dalla campagna: quattro ettari di terra un po’ brulla, piena di fichi, mandorli e due vigne che producevano, o almeno era quella l’intenzione di mio nonno, l’uva e il vino per tutto l’inverno”.
Presentazione e degustazione Azienda Vinicola Feudi di Guagnano e fichi secchi mandorlati dell’Azienda Agricola di G. Ciracì

–    Alfredo Polito, Valentina Pennetta, La guerra del vino, Manni Editori 2010 (13 novembre 2010, ore 18:30), con introduzione di Pino De Luca
Alfredo Polito e Valentina Pennetta, autori di una avvincente narrazione sulle riforme agrarie e sulle tensioni sociali che nella metà degli anni ’50 scossero il Leccese e il Brindisino per il crollo del prezzo delle uve. La forte tensione sociale sfociò il 9 settembre, a San Donaci, in un duro scontro con la Polizia durante il quale tre giovani vignaioli, tra cui una donna, persero la vita.
Presentazione e degustazione Azienda Cupertinum – cantina sociale cooperativa di Copertino

–    Giuse Alemanno, Le vicende notevoli di Don Fefè, nobile sciupafemmine e grandissimo figlio di mamma giusta, e del suo fidato servitore Ciccillo, I libri di Icaro, con introduzione di Fabiano Viva (mercoledì 17 novembre 2010, ore 18:30)
C’è una nuova lingua, suona di dialetto. Inventata, come il cosmo che racconta. Un titolo lungo, con un sapore fortemente e volutamente retrò. C’è il cinema che disegna, nel pensiero dell’autore, la figura di Don Fefè, “cuor contento e panza piena”. Don Felice, il nome vero, nobile di Cipièrnola, incontrastato padrone di Palazzo Rizzo Torregiani Cìmboli, in un Sud dove in corpo scorre il rosso intenso del Primitivo e l’indolenza meridiana delle voglie. L’inizio di una saga che potrebbe avere come interprete il Mastroianni di “Divorzio all’italiana”. Impomatato, con la retina a tenere i capelli ed il baffo in tiro. Con gli occhi semichiusi, il lungo bocchino e le voglie mai dome. Con la stessa indole e lo stesso fuoco il Felice che Alemanno disegna: nostalgico ed indolente, europeo e strapaesano, poeta e padrone, innamorato dell’odore delle femmine e del teatro. Si ride con Don Fefè e si ride con Ciccillo, “devota” spalla, servitore e inconsapevole cugino.
Presentazione – degustazione Azienda vinicola Tormaresca

–    Pierluigi Mele, Da qui tutto è lontano, Lupo Editore 2009, con introduzione di Donatella De Filippo (19 novembre 2010, ore 18:30)
Un romanzo di intensa poesia, capace di rievocare ora il teatro dell’assurdo, ora il dramma greco per la grandezza delle solitudini e la tensione che sprigiona. Indimenticabili i passi sulla natura e i profili femminili. Il tutto è retto da una scrittura originale e moderna, che ci spinge ad andare oltre le parole, a sondare i simboli, in una totale avventura delle emozioni.
Presentazione-degustazione Azienda vinicola Tenute Mater Domini

–    Anna Maria De Luca, Divento, Lupo Editore 2009, con introduzione di Bruno Conte (27 novembre 2010, ore 18:30)
Desiderio e assenza, libertà e perdita , eros e solitudine, confinano con il silenzio. Anna Maria De Luca fa della poesia la cifra che del silenzio scioglie i nodi e ne fa scaturire la voce. Parola che sembra plasmarsi dentro un gioco linguistico d’invenzione, nel linguaggio cifrato della fantasia, dove il tempo, non quello reale ma quello della scrittura e del racconto, è un lemma di alta frequenza nel tessuto verbale, in quell’attesa dell’epifania dei segni slegata dalla realtà. Parole coscienza-conoscenza-appartenenza a quel In principio era il Verbo, parole ripulite di tutto l’artefatto, maglie di una catena del sentire. Parole, gioco di parole, parole soffocate, graffiate, smaterializzate, scarne, essenziali. Parole, in cui affogare mille pensieri, sui mari d’inchiostro nell’attesa, scandita dal silenzio, del sole splendente di vita. Parole-rete per entrare in sintonia con la verità del mondo in un’atmosfera aurorale. Limpide, trasparenti, energiche. Parole-eros, palpitanti, pulsanti, in cui fluttuano i pensieri nei ritmi della materia. E’ la sacralità dell’amore che si consuma in quella della parola attraverso icone e immagini nelle quali sopravvive fisicità e metafisicità. Ed è vero Poeta colui il quale ci fa gustare la forza delle parole. (Teresa Romano)
Presentazione-degustazione Azienda Vinicola Marco Maci e cioccolatini al peperoncino della pasticceria Caretto (Surbo).

Le Mostre:
Quattro esposizioni, tutte inerenti in modo artistico ed originale al tema del vino, si alterneranno a scadenza settimanale, con inaugurazione/aperitivo la domenica pomeriggio.
–    Percorso fotografico di Bruno Barillari: scatti dei giorni della vendemmia nelle più note Aziende locali (6 novembre 2010, ore 20:00, per inaugurazione locale, sino al 13/11).
Bruno Barillari nasce a Galatina, Lecce, il 3 aprile del 1973. Eredita la passione per la fotografia insieme ad una Rolleiflex biottica GX 2,8 nel 1987. A pochi esami dalla laurea in Economia e Commercio a Parma si diploma invece, nel 1997, all’Istituto Italiano di Fotografia di Milano. “…preferendo lavorare con la luce che vivere di riflesso…” dedica il tempo libero alla ricerca, nell’accezione pura del termine. Odiando le etichette, soprattutto nel suo settore, ama considerarsi semplicemente un uomo che scatta fotografie.
In mostra un percorso fotografico tra immagini dei giorni della vendemmia nelle migliori aziende vinicole locali.

–    Mostra di Vincenzo Reda, grande appassionato di vino, che con il vino dipinge (domenica 14 novembre 2010, ore 18:00, sino al 19/11).
Pittore e scrittore, artista e intellettuale, ma anche già operaio, manager, maratoneta, calciatore. Un personaggio sghembo: incontentabile, curioso, contraddittorio, fuori di ogni schema. Calabrese di nascita, a Torino dal 1960, Reda unisce la sua grande passione per il vino alla sua arte e dal 1993 dipinge col vino su carta, stoffa e cristallo.
Presentazione-degustazione Azienda vinicola Cantine Due Palme con la collaborazione della Pasticceria Natale

–    Esposizione di Andrea De Simeis (20 novembre 2010, ore 18:00, sino al 28/11).
Andrea De Simeis è un artista eclettico con una forte passione per la Calcografia e la Carta. Crede nella sopravvivenza dell”Arte Minore’ , con cui erroneamente si chiamano tutti gli antichi mestieri identitari, carica del valore esperienziale e capace di attendere nuovi obiettivi tecnici e sociali. Verga preziosi fogli di carta con fibre estratte da piante di tutto il bacino Mediterraneo (fico comune, cotone, ginestra, ecc,), li colora con segrete tecniche di maestri tessili tintori fino a profumarli con distillati di spezie della macchia incolta (calaminta, timo, rosmarino, ecc.).Carta a mano di antiche tradizioni orientali del VII secolo e degli opifici medioevali europei, senza paragoni per qualità e resa di stampa al torchio. Sono infatti fogli ottimi per calcografia: arte antica che vanta sette secoli di storia, eredità di orafi e armaioli, con cui ancora oggi De Simeis fa grafica originale.
Presentazione-degustazione Azienda Vinicola Duca Carlo Guarini

–    Esposizione di Massimo Maci (21 novembre 2010, ore 18:0, sino al 28/11), designer sperimentatore dell’arte contemporanea, offre oggetti,sculture e complementi, luminosi e non, che nella loro unicità e diversità sono riconosciuti da un’unica connotazione: la vetrofusione. Stretto è il legame con il mondo del vino, sorprendente il risultato: da bottiglie, tappi e calici riciclati e riassemblati nascono soluzioni d’arredo rilette in chiave estetica.
Presentazione e degustazione Margapoti Liquori

Altri appuntamenti:

Giovedì 25 novembre, ore 21:00 (ingresso riservato)
–    Azienda Sanchirico in collaborazione col ristorante “La divina provvidenza”:
Visione di “A Fore” di Bruno Barillari

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

8 + uno =