Foto Andrea Stella

Il gip del Tribunale di Lecce Maurizio Saso ha confermato il sequestro, ma ha revocato la facolta’ d’uso disposta nel giugno 2009, di un sottopassaggio del capoluogo dove due giorni fa tre giovani hanno rischiato di annegare nella loro vettura sommersa dall’acqua piovana.

Nell’estate dell’anno scorso nella stessa struttura, in viale Leopardi, mori’ l’avvocato leccese Carlo Andrea de Pace in quanto il deflusso dell’acqua risulto’ impedito dall’intasamento dei tombini e delle caditoie, cosa che si e’ ripetuta avantieri. Il giudice ha accolto la richiesta del pm Paola Guglielmi di Lecce e da oggi il sottopasso e’ chiuso alla circolazione.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

1 × 5 =