In un’area di circa 1.000 mq, destinata alla coltivazione di olivi, c’era di tutto: vari rifiuti altamente pericolosi. La discarica abusiva che sorge nel comune di Meledugno – agro di Borgagne, è stata scoperta dai finanzieri della compagnia di Otranto.

In particolare sono state rinvenute varie carcasse di autoveicoli e motocicli con parti meccaniche, pneumatici, parti elettriche e batterie, alcune lastre di eternit; altri pneumatici provvisti di cerchio depositati sul terreno; uno scafo in resina; un cassone depositato per terra, contenente materiale ferroso, bidoni in ferro e plastica. I successivi accertamenti, presso l’Ufficio Tecnico del luogo, hanno permesso di appurare che tutta la gestione del terreno, nonché del deposito dei rifiuti ivi depositati, era a cura del padre della proprietaria dello stesso terreno. La sola area, occupata dai rifiuti, per complessivi 204 mq., destinata a discarica a cielo aperto, è stata sottoposta a sequestro. Il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce per il reato di cui all’art. 256 del Decreto Legislativo nr. 152/2006 “attività di gestione di rifiuti non autorizzata”. Dall’ inizio dell’anno il Comando Provinciale di Lecce ha sottoposto a sequestro, nell’ intera provincia, oltre 1.900.000 chilogrammi di rifiuti industriali con la denuncia di 26 persone per reati concernenti l’inquinamento ambientale.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.