I consiglieri regionali dei Moderati e Popolari Nicola Canonico, Giacomo Olivieri e Antonio Buccoliero chiariscono la posizione del movimento riguardo la mozione di sfiducia presentata da Buccoliero. “La mozione in questione –dichiarano i tre consiglieri- di cui condividiamo tutti le ragioni sottese, non può

che essere una schietta provocazione rivolta a questo governo e, precisamente, al Presidente Nichi Vendola, lungi però dal voler assurgere ad atto politico volto a chiudere l’esperienza di questa legislatura. Siamo certi che sia così e diversamente non potrebbe essere perché siamo e rimaniamo equidistanti dai due poli, coerenti con la fiducia ricevuta dai cittadini alle scorse elezioni. Fiducia che ci impone di augurarci con tutte le forze che questo governo regionale prosegua fino alla sua scadenza naturale, senza colpi di scena che danneggerebbero solo i pugliesi”. “Riteniamo orbene – affermano Canonico e Olivieri- che il collega Buccoliero abbia presentato la mozione con il solo obiettivo di spronare il Presidente Vendola a lavorare e ad andare avanti nell’interesse di tutti i cittadini. Non solo, leggiamo questa mozione come un appello a tutto il governo a rimboccarsi le maniche ed impegnarsi affinché si diano le risposte concrete che la Puglia si aspetta. La crisi del lavoro, la tutela ed il sostegno alle famiglie, l’emergenza sanità e ad altri problemi, attanagliano la vita quotidiana dei pugliesi ai quali poco importano ribaltoni politici di palazzo”. “Sono questioni –proseguono i tre esponenti del gruppo- che interrogano noi amministratori e ci obbligano ad avere un serio atteggiamento di responsabilità, evitando manovre pericolose per il destino dei pugliesi. Ed è per tutti questi motivi che auspichiamo che il governo Vendola vada avanti fino alla fine e saranno solo i cittadini a valutarne l’operato alle prossime elezioni. I cittadini e non noi. Quindi, è assolutamente inopportuno interpretare la mozione in modo diverso da quello descritto, al di là ovvero della mera provocazione e sollecitazione a lavorare per il bene della Puglia. Pertanto –concludono- ci sentiamo di escludere altre finalità della mozione di sfiducia e ci appelliamo con forza al senso di responsabilità del governo e dei colleghi tutti, affinché il capitolo Vendola prosegua serenamente verso l’attuazione di tutti i punti del programma di governo”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici + diciannove =