Ancora problemi stamattina sulla linea ferroviaria Brindisi-Bari. Tuttavia, come spiegato da Trenitalia, la causa è addebitabile a “un mezzo stradale, forse di tipo agricolo, che ha danneggiato i binari di un passaggio a livello delle Ferrovie dello Stato tra Brindisi e Mesagne”.

Sono scattate le procedure di sicurezza che hanno comportato ritardi sui treni in circolazione, anche a Latiano, città del brindisino in cui nelle ultime settimane si sono verificati alcuni disservizi e le proteste dei pendolari che, oggi, hanno compito il gesto estremo di occupare i binari. 
“Stamattina si è trattato di un incidente non imputabile a Trenitalia – ha spiegato l’assessore regionale alla mobilità Guglielmo Minervini – dunque occorre non esasperare certe situazioni. La Regione sta seguendo attentamente le problematiche dei pendolari in Puglia ed è pronta a intervenire”.
Proprio la scorsa settimana, infatti, in un controllo a sorpresa del servizio ispettivo sono state elevare alcune contestazioni a Trenitalia. “Inoltre – ha concluso Minervini – ho chiesto e ottenuto, grazie alla collaborazione della direzione regionale della società, un incontro con l’amministratore delegato di Trenitalia Vincenzo Soprano. Lo incontrerò domani a Roma e discuterò di tutte le problematiche che stanno affliggendo la Puglia sia sul trasporto regionale sia sui collegamenti di lunga percorrenza”.
Invece riguardo alla situazione specifica dei viaggiatori di Latiano, l’assessore Minervini interverrà il 25 novembre in un incontro pubblico a Brindisi.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 − otto =