Il 25 novembre si celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, proclamata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 1998.
Anche quest’anno la Provincia di Lecce e l’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune

di Monteroni in collaborazione con la Commissione alle Pari Opportunità, organizzano un momento di riflessione, informazione e sensibilizzazione  per celebrare questa ricorrenza.
Con l’ obiettivo di tenere i riflettori accessi su questo dramma sociale, promuovendo il dialogo ed il confronto continuo sul tema, mercoledì 24 novembre 2010, Presso il Palazzo Ducale, alle ore 18.30, si svolgerà l’incontro dibattito dal titolo: “STALKING E MOBBING DI GENERE: aspetti giuridici e psicologici”.  Una violenza sottile che non lascia segni fuori ma uccide dentro.

Il convegno prenderà il via con i saluti di: Lino Guido, Sindaco di Monteroni di Lecce; Simona Manca, Vicepresidente Provincia di Lecce e Filomena D’Antini, Assessore Provinciale ai Servizi Sociali e Pari Opportunità.
L’introduzione ai lavori sarà a cura di Anna Quarta,  Presidente del  C.P.O. di Monteroni di Lecce e, successivamente, si svolgeranno gli interventi di: Maria Cristina Rizzo,  Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minori di Lecce che tratterà il tema “Lo Stalking ed il Mobbing nell’esperienza giudiziaria”; Viola Messa che parlerà di “Stalking ed il Mobbing: profilo normativo ed esperienze concrete. Il punto di vista della  difesa” e, infine, di Patrizia Buttazzo, Criminologa, Psicologa, Psicoterapeuta  del SERT  di S. Cesario che articolerà il suo intervento su  “Aspetti psicologici delle vittime e dei carnefici”.
Le conclusioni saranno affidate all’Assessore ai Servizi Sociali e Pari Opportunità del Comune di Monteroni di Lecce, Anna Maria Longo.
Modererà l’incontro Rita Mazzotta, Componente del  C.P.O. di Monteroni di Lecce.

Mercoledì 24 novembre 2010, ore 18.30
Palazzo Baronale – Monteroni di Lecce

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.