Le piogge torrenziali abbatutesi negli ultimi giorni hanno rappresentato una terribile calamità per tante famiglie pugliesi. Per assicurare la vicinanza delle Istituzioni a queste famiglie presenterò un’interrogazione parlamentare, volta a chiedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale anche per la Puglia, come già avvenuto per altre regioni.

Chiediamo un impegno preciso a questo Governo, che ha già apportato tagli da considerarsi inaccettabili in Finanziaria, riducendo lo stanziamento di fondi per gli interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico a 32.7 milioni di euro, con una riduzione dell’81% rispetto ai 175 milioni del 2010. L’irrisorietà di questi stanziamenti risulta ancora più evidente se si pensa che l’89% dei Comuni italiani è a rischio idrogeologico.
Non è assolutamente tollerabile che, ancora una volta, le famiglie e gli Enti locali vengano lasciati soli ad affrontare eventi disastrosi, naturali e non.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × uno =