“Totalmente infondata la notizia secondo cui sarebbe in corso un’indagine della Corte dei Conti sui contratti di consulenza del Comune di Lecce”.  Così il sindaco di Lecce Paolo Perrone commenta il contenuto dell’articolo pubblicato in data odierna dalla Gazzetta del Mezzogiorno , edizione di Lecce.

Allo stato, infatti, “l’unica indagine di natura patrimoniale in corso risulta essere quella relativa agli incarichi che il Comune di Lecce è stato costretto a conferire per risolvere le questioni di Via Brenta e dei Boc; costi aggiuntivi che verranno poi sommati ai danni patrimoniali che la Corte dei Conti dovesse ravvisare a danno delle casse comunali, dunque a carico degli imputati delle relative vicende giudiziarie”.
“Rotundo dunque stia tranquillo”, spiega ancora il sindaco di Lecce, “perché quest’amministrazione comunale non è incline allo spreco dei soldi pubblici. Si risparmi dunque l’ennesima diffusione di notizie campate in aria per attaccare quest’amministrazione comunale, che contrariamente a quanto lui continua a blaterare ai quattro venti si è distinta per trasparenza e contenimento degli incarichi esterni. Per noi, infatti, parlano i dati, non le notizie infondate e tendenziose di Rotundo: se nel 2006 la cifra complessiva spesa da Palazzo Carafa per consulenze ammontava a 2 milioni e 495mila euro, nel 2009 questa cifra era già passata a 1 milione e 25mila euro, comprensivi peraltro dei compensi di tutti i contratti di co.co.co. poi non rinnovati. E quest’anno, guarda un po’, siamo ulteriormente scesi a 346mila euro che ricomprendono perfino il costo di incarichi che il Comune ha l’obbligo di conferire, tipo l’energy manager e il responsabile per la sicurezza sul lavoro”. Il tutto, conclude il primo cittadino di Lecce, “regolarmente pubblicato sul sito del Comune, come Rotundo potrebbe constatare se almeno una volta in vita sua si prendesse la briga di verificare quello che dice”..

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.