Un’interrogazione urgente a risposta scritta all’assessore regionale alla Sanità per conoscere la possibilità di reintegro lavorativo dei  tecnici per la prevenzione degli incidenti sul lavoro dell’ex Asl Le2 in scadenza di contratto o con contratto già scaduto lo scorso 5 novembre.

È quella depositata, nella giornata odierna, dal consigliere della Regione Puglia e presidente di Moderati e Popolari, Antonio Buccoliero.
Scrive Buccoliero:
Premesso che:
La sicurezza sul lavoro comprende diversi aspetti, tra cui gli interventi tesi a prevenire quei comportamenti che possono mettere a repentaglio l’incolumità dei lavoratori;
La Deliberazione di Giunta Regionale n.279 del 04/03/2008 fissa gli impegni da assumere al fine del raggiungimento dell’obiettivo di 12.000 interventi ispettivi annui, di cui almeno 2.700 nei cantieri edili;
Il raggiungimento degli obiettivi è stato spalmato nell’arco del triennio 2008/2010 con una graduazione degli interventi, che per l’Area Sud prevede il 50% nel 2008, il 75% nel 2009 ed il 100% per il 2010;
Visto che:
•    L’ufficio del Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro dell’ex Asl Le2 ha effettuato, fino al 31/12/2009, 996 verifiche, che vanno dai cantieri edili, a quelli di amianto fino a riguardare le aziende metalmeccaniche e agricole, sostenendo concretamente l’attività di prevenzione e controllo;
Il 05/11/2010 alcuni contratti per tecnici della prevenzione dell’ex Asl Le2 sono scaduti e altri sono in via di scadenza;
l’interrogante si rivolge al Presidente della Giunta regionale ed all’assessore alla Salute per sapere:
•    Se non sia il caso di valutare la possibilità di reintegrare nel servizio di prevenzione i suddetti tecnici, continuando a portare avanti una capillare attività di controllo e prevenzione degli incidenti sui luoghi di lavoro, dando, al contempo, la giusta dignità lavorativa a quanti operano in un settore di estrema importanza per la sicurezza e la salute fisica dei lavoratori.