Da venerdì 12 novembre a giovedì 30 dicembre torna la programmazione  musicale della Saletta della Cultura Gregorio Vetrugno di Novoli (Le).  La rassegna Tele e ragnatele, curata da Mario Ventura e organizzata in  collaborazione con Coolclub, grazie al sostegno della Regione Puglia,  propone da anni alcuni tra i più rappresentativi esponenti della musica  d’autore italiana.

La nuova rassegna parte venerdì 12 novembre con il concerto  dell’eclettico cantautore Dino Fumaretto. Lo spettacolo di Elia  Billoni è una performance musicale/teatrale (pianoforte e voce) che  prende spunto dagli scritti di Dino Fumaretto. Dino Fumaretto scrive canzoni, Elia Billoni le canta. Dino Fumaretto ha nominato Elia Billoni  suo unico e fedele interprete. Elia Billoni è pertanto il portavoce  riconosciuto del pensiero fumarettiano. Con Fumaretto si racconta la  solitudine, la perdita, l’assurdità  e il cinismo della vita attuale. Si ride molto, ma con ansia.

Venerdì 19 novembre il chitarrista e cantante Rocco Mastrolia,  affiancato da Oronzo Cisternino (basso acustico), Pierangelo Caputo  (voce) e Renzo Bagorda (dobro, banjo), propone Mahogany. Brani inediti  si alternano ad alcuni standard del bluegrass. Durante il concerto sarà ripercorsa la storia della chitarra acustica e dei suoi luoghi.

Venerdì 26 novembre il pianista Mauro Tre e il sassofonista Roberto  Gagliardi presentano lo spettacolo Interstellar Free Jazz. Il 2009 è  stato il 40° dallo sbarco dell’uomo sulla luna. Del sogno dell’uomo di conquistare lo spazio, di scoprire nuovi mondi, di immaginare con  curiosità nuove frontiere, è rimasto poco. Schiacciati dalle crisi  economiche e da un senso rassegnato della storia non riusciamo più a sintonizzarci con quell’afflato che quaranta anni fa coinvolgeva e  produceva slanci capaci, guardando oltre l’uomo, di farci immaginare  anche altri suoni e altre atmosfere. Dell’immaginario surreale di Sun Ra  è rimasto il senso di tenerezza che l’ingenuo abbigliarsi dei musicisti  sul palco suscita in chi vede le immagini di repertorio. Del senso anche  tragico delle cosmiche aperture di John Coltrane restano solo vaghi  echi. Roberto Gagliardi , ai sassofoni, al clarinetto basso, all’armonium  e altri sonagli, e Mauro Tre, al pianoforte e alle tastiere elettroniche, e ai computer, portano sul palco il tentativo di  recuperare quelle atmosfere attraversando le forme dell’improvvisazione  free jazz. Con un atteggiamento curioso l’uso delle attrezzature  elettroniche, loop station, multi track recorders, è vissuto con un  misto di necessaria ingenuità da un lato, insieme alla consapevolezza  che l’abuso di tecnologia può portare a risultati stereotipati da cui è  invece evidente la voglia e la necessità di sfuggire. Tutto questo  produce un concerto e uno spazio sonoro imprevedibile e sempre mutevole ,  in un viaggio pieno di sorprese, come fossimo Sull’Enterprise.

Venerdì 3 dicembre lo scrittore Lapo Ciari presenta il romanzo “Il  maresciallo Rocco Salentino. A Pizziche e bocconi” con le musiche di  Salvatore Gervasi e Mariella Salierno (Specimen Teatro). Anni Novanta,  un paese chiamato Limite. La nostalgia incombe come il crimine, si fa a tratti violenta: E’ questo il destino di chi deve vivere lontano dal  luogo di origine. Un Maresciallo al centro di una tragedia, con le  angosce, le motivazioni e la fatalità di un moderno eroe. La ricerca di  una coerente spiegazione del mondo, l’universo che diventa un sistema di segni, indizi e visioni, da decifrare. A Salentino prescrisse il fato la  lontananza: “Più si cerca di combattere la nostalgia, più questa morde e  divora”. La sua arma è l’umorismo, ma il sorriso che ne scaturisce è  amaro, “non passa dentro”. Un romanzo a stazioni, presso le quali la vita del Maresciallo ferma e riparte. E un viaggio della memoria e della  speranza. E un’opera aperta: gli episodi si potrebbero scambiare di  posto senza per questo modificare il senso della storia.

Sabato 11 dicembre tornano alla Saletta gli Eva Mon Amour. “La doccia  non è gratis” è uscito il 15 gennaio in tutti i negozi di dischi ed era  già  disponibile da novembre negli store digitali, in concomitanza del  lancio del primo singolo “Randagi” su tutte le radio. A partire da giugno ne viene presentata un’edizione ristampa arricchita dall’inserimento nella tracklist di due brani inediti, “Dimmi chi ti  sposi” e “Bolle di acqua e sapone”. Al centro de “La doccia non è  gratis” rimane sempre la canzone, con testi che fotografano la crudezza  della realtà  dove convivono la fatica del quotidiano e l’accettazione dell’assurdo. Il risultato è un disco essenziale e immediato.

Sabato 18 dicembre appuntamento con Pier Cortese, da diversi anni  protagonista di un’intensa attività live. Divide il palco con diversi  artisti come Carmen Consoli, Max Gazzè, Paola Turci Mario Venuti  riscuotendo larghi consensi di critica e di pubblico. Nel 2004 è finalista al “Giffoni music contest”, poi nel 2005 al “Musicultura festival” e nello stesso anno il suo primo singolo “Souvenir” e tra le  prime 10 canzoni più trasmesse da tutti i network radiofonici e  televisivi. Nel 2006 esce il suo primo album “Contraddizioni” e viene  premiato come miglior artista esordiente al “Premio Mia Martini”. Estrae dal disco ben cinque singoli fino ad arrivare sul palco di Sanremo con  la canzone “Non ho tempo”. Nel frattempo è attivo in varie  collaborazioni e scrive e realizza con “Mondo Marcio” il singolo “Tutto  può cambiare”. Nel 2007 e nel 2008 diventa “cantautore portatile” di un  programma di musica e cibo, “Stelle e padelle”, trasmesso e replicato per tutto l’anno da All Music e Discovery channel dove duetta con gli  artisti più importanti della scena nazionale. La scorsa estate 2009 è  uscito il suo secondo disco “Nonostante tutto continuiamo a giocare a  calcetto” ed è ancora protagonista nelle radio con “Grazie” prodotta insieme ai Planet Funk. Nell’autunno dello stesso anno “Ercole” (traccia  estratta dal suo ultimo disco) è colonna sonora del nuovo film di Marco  Costa: “Piazza Giochi”. Dopo due dischi e numerose collaborazioni Pier  ritorna sul palco a raccontare nuove prospettive live.

Ultimo appuntamento giovedì 30 dicembre con la Piccola compagnia  instabile che presenterà  i brani di “Signora Clessidra e lo Sposo  Bambino”, un viaggio di ballate tristi, canzoni da saloon e walzer e  musica da cabaret, favole medievali. La Piccola Compagnia Instabile si  regge su un filo leggero, inconsistente, invisibile. Nasce in una terra  dove l’afa è regina e chi scrive musica è un clown malinconico, che per  sbarcare il lunario salpa verso porti mitici e forse mai esistiti. Ma  non ne troverete di navi così: forse se cercherete per anni ritroverete  un capitano claustrofobico, un timoniere cieco, un marconista balbuziente, un dottore dal nome impronunciabile, tutti sulla stessa  nave, senza cucine. Può darsi. Ma quello che non vi succederà  più, è di  stare là seduti col culo su dieci centimetri di poltrona e centinaia di  metri d’acqua, nel cuore dell’oceano, con davanti agli occhi il  miracolo, e nelle orecchie la meraviglia, e nei piedi il ritmo e nel cuore il sound dell’unica, inimitabile, infinita Piccola Compagnia  Instabile.

In questi anni Tele e ragnatele, tra gli altri, ha ospitato (anche fuori  dalla Saletta) Gianmaria Testa, Faraualla, Riccardo Sinigallia, Alessio  Lega, The Gang, Claudio Lolli, Giovanni Allevi, Elisir, Max Manfredi,  Dente, Il Teatro degli Orrori, Zen Circus, Valentina Gravili, Pippo  Pollina, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, Filippo Gatti, Ray Tarantino, Fabrizio Consoli, Andrea Chimenti, Teatro degli Orrori, Zen  Circus, Carlo Fava, Ennio Rega, La Camera Migliore, Cesare Basile,  Cappello a cilindro, Marco Parente , Enrico Brizzi & Frida X, Numero 6,  Vittorio Merlo, Transgender, GianMaria Testa, Federico Sirianni, Non  Voglio Che Clara, Luca Nesti, Lorenzo Hengeller, Alessio Lega, Gang ,  Claudio Lolli, Riccardo Sinigallia, Pacifico, Simone Perrone, Vegetable  G, Alessandro Grazian, Flip Grater, Banda Elastica Pellizza, Le Luci  Della Centrale Elettrica, Giorgio Canali, Eva mon amour, Giuliano  Dottori, Marco Fabi , Bungaro, Diego Morga, Samuel Katarro e molti altri cantori della musica d’autore italiana e internazionale con un occhio  particolare alla realtà  pugliese con la presenza di Adria, Maria  Giaquinto e Giuseppe De Trizio, Serena Spedicato e Marco Della Gatta,  Giuseppe De Gennaro, Enzo Granella, Leo Tenneriello, Francesco Del Prete  e Alessandra Caiulo, Lucia Manca, Girl With the gun. Una scelta coraggiosa che non segue le mode ma la qualità  delle note e delle parole.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre + 9 =