Alessandro De Matteis, centrocampista classe ‘82 con il vizio del goal (sono già tre le marcature in questo campionato: contro il Carosino, il Novoli e il Boys Brindisi), prodotto del Settore Giovanile del Lecce

dove ha trascorso gli anni che vanno dall’89 al 98. Ha militato, tra l’altro, nel Galatina e nella Cagliese (Marche) in Serie D, nel Francavilla e nel Copertino in eccellenza, nel Taurisano e nel Sogliano in Promozione, analizza il momento che sta vivendo il sodalizio del Presidente, Cosimo Prete.

“Innanzitutto voglio ringraziare il Direttore Sportivo Mino Manta che stimo tantissimo e verso il quale nutro molta riconoscenza. È stato il primo a credere in me, facendomi esordire in Serie D a soli 19 anni.
Siamo riusciti ad inanellare un filotto di risultati positivi riuscendo a dare continuità al nostro campionato. Cresciamo di giorno in giorno e scendiamo in campo con la mentalità che vuole Mister Lombardo quella, cioè, di affrontare ogni gara come se fosse una finale, di non mollare mai e di disputare le partite con molta concentrazione per sbagliare il meno possibile.
La mia posizione in campo dipende dal modulo che utilizza l’allenatore, se scendiamo in campo con il 4-4-2 agisco da esterno attaccando gli spazi e i portatori di palla se, invece, ci schieriamo con il 4-3-1-2 fungo più da trequartista.
Stiamo andando bene in Campionato, ma teniamo anche tanto alla Coppa Italia se non avessimo avuto intenzione di arrivare fino in fondo non avremmo eliminato squadre del calibro di Gallipoli, Botrugno e Galatina. È nostra intenzione vincere questo trofeo per i tifosi e la società.
Domenica affronteremo il Martano. Non sarà una gara semplice ed è un impegno da non sottovalutare. Loro hanno un bravo allenatore che lavora molto bene con i giovani e che con una squadra senza grandi nomi sta facendo vedere buone cose.
Penso che lotteranno fino alla fine per la promozione in Eccellenza Mottola, Galatina e Botrugno, ma a noi non deve interessare nella maniera più assoluta cosa fanno gli altri, dobbiamo vincere più partite possibili, a cominciare da quella di domenica prossima, i conti, poi, li faremo a fine stagione”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 − sei =