Pitbull si avventa alla gola di un pensionato di Salve, intervengono i carabinieri che lo salvano. È accaduto questa mattina a Torre Pali, intorno alle 9, quando un pensionato ha chiesto aiuto ai carabinieri, per la presenza di due pitbull, entrambi sprovvisti di guinzaglio e museruola

chei si erano introdotti nel giardino dell’abitazione dell’uomo tenendo fra le fauci un cane di razza setter irlandese agonizzante. Alla vista del pensionato e di altre due persone lì presenti, i pitbull si erano avventati verso di loro non riuscendo ad aggredirle solo perché le stesse si erano immediatamente rifugiate all’interno di un’autovettura.
A Torre Pali venivano subito inviati i militari della Stazione Carabinieri di Salve i quali, giunti sul posto, notavano, ancora chiuse all’interno della macchina e visibilmente spaventate, le persone che avevano composto il 112.
Rassicurati dalla presenza dei militari i tre scendevano dal veicolo e raggiungevano i Carabinieri ai quali riferivano nuovamente quanto accaduto aggiungendo, inoltre, che la coppia di pitbull, dopo aver tentato di assalirli, si era nuovamente avventata sul setter irlandese e si era quindi portata nella parte retrostante del giardino dell’abitazione dello pensionato tenendo fra le fauci la propria preda.
Per rendersi conto della situazione i militari seguivano il proprietario dell’abitazione nel retro del giardino dove notavano, in un angolo, i due pitbull, uno di colore nero ed uno di colore marrone, intenti a divorare il setter.
Alla vista degli “intrusi” i due molossi hanno abbandonato la preda ed hanno iniziato ad avvicinarsi, ringhiando minacciosamente, ai Carabinieri ed al pensionato.
Nel tentativo di tranquillizzare i cani i tre hanno iniziato, lentamente, a retrocedere per mantenere i pitbull a distanza.
Nonostante ciò gli animali non hanno mutato il loro atteggiamento aggressivo ed hanno continuato ad avvicinarsi ai Carabinieri ed al proprietario dell’abitazione accelerando l’andatura man mano che la distanza si riduceva.
Nel tentativo di spaventare i cani il Capo Equipaggio ha armato la pistola mitragliatrice sperando di far fuggire gli animali ma senza ottenere alcun effetto.
Dato che il pitbull marrone si avvicinava inesorabilmente al pensionato, il militare, sempre nel tentativo di far desistere i cani dal loro ormai imminente attacco, ha esploso un colpo in aria ottenendo solo in parte il risultato auspicato. La deflagrazione, infatti, ha fatto allontanare il pitbull nero mentre quello marrone si è avventato verso il pensionato compiendo un balzo in direzione della gola dell’uomo.
Il Capo Equipaggio si è allora frapposto fra il cane e l’uomo e si è visto costretto, suo malgrado, ad esplodere un secondo colpo, questa volta in direzione del cane, che ha ferito mortalmente l’animale.
Accertatisi che non vi fossero altri pericoli per l’incolumità dei presenti, i Carabinieri hanno immediatamente richiesto l’intervento dei veterinari dell’A.S.L. nella speranza di riuscire a salvare sia il pitbull che il setter.
Purtroppo al loro arrivo i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso di entrambi i cani.
Sul posto è dovuta arrivare anche l’ambulanza del 118 poiché una delle tre persone rifugiatesi in macchina ha avuto un malore causato dalla terrificante esperienza vissuta.
Dagli ulteriori accertamenti i pitbull sono, in seguito, risultati essere di proprietà di un vicino di casa del pensionato mentre è ancora ignoto il padrone del setter irlandese.
Sono ancora in corso gli accertamenti finalizzati a capire come abbiano fatto i due pitbull a fuggire dalla recinzione in cui erano rinchiusi e se vi siano responsabilità da parte del loro proprietario.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × 2 =