“Cosa è successo contro il Gallipoli? Forse siamo partiti con il piede sbagliato, è venuto meno l’atteggiamento vincente, almeno nel primo tempo. Nella seconda frazione di gioco abbiamo cercato con insistenza il pareggio, ma non è arrivato”.
Analizza così il centrocampista argentino Ignacio Capitani la sconfitta subita della Toma Maglie ad opera del  Gallipoli.

“Il pareggio sarebbe stato il risultato migliore, loro non hanno fatto molto di più rispetto a noi. A questo si aggiunge che sono stati annullati due nostri goal uno dei quali regolare. Attenzione, però, questo non deve essere nella maniera più assoluta un alibi, non abbiamo fatto bene come in altre occasione ed è nostro dovere fare sempre meglio”.
È da poco terminata la gara di Coppa Italia che ha visto i giallorossi pareggiare 0-0 sul campo della Pro Italia Galatina e Capitani fa una breve disamina della partita.
“Ritengo che la squadra abbia espresso un buon gioco. È stata una partita abbastanza dura, soprattutto perché giocata su un campo molto pesante a causa della pioggia dei giorni scorsi, abbiamo avuto due occasioni da goal una con Dramè e l’altra con un tiro da fuori area di Dominguez, ma anche il Galatina ha avuto la possibilità di segnare”.
Infine il giocatore classe ’87, un passato nel Rosario Central, acquistato la scorsa estate dal Castel di Sangro si descrive tecnicamente e rivolge un ultimo pensiero al prossimo turno contro il Botrugno.
“Sono un centrocampista alto, molto tecnico. Mi piace agire da trequartista e mi piace segnare, a chi non piace farlo? Ma è anche bello fare l’assist finale e mandare in rete i miei compagni.
Nella prossima partita affronteremo il Botrugno, ci abbiamo giocato in Coppa Italia e siamo riusciti a batterlo in trasferta. Domenica, però, giochiamo in casa e faremo di tutto per vincere nuovamente. Il bellissimo pubblico di Maglie merita questo successo”.

CONDIVIDI