E’ stato presentato questa mattina, lo spettacolo che nei giorni di venerdì 17, sabato 18 e domenica 19, si terrà presso il teatro Politeama Greco di Lecce: Romeo e Giulietta. La famosa tragedia della coppia veronese nata dalla penna di William Shakespeare e guidata dalle musica di Sergeij Prokofiev, presenta un allestimento tutto nuovo ad opera del coreografo Fredy Franzutti, che dirige la compagnia del Balletto del Sud.

Il balletto in due atti, vede la partecipazione dei danzatori della compagnia, assieme a due elementi della scuola di Tirana che interpreteranno gli sfortunati protagonisti: Enada Hohxa per Giulietta Capuleti e Gerd Vaso per Romeo Montecchi. Non è la prima volta che la scuola di Tirana collabora assieme al Balletto del Sud, di fatti negli anni vi è sempre stato uno scambio continuo tra le due rinomate scuole di danza.

Ad accompagnare i ballerini con le musiche di Prokofiev, sarà l’Orchestra Sinfonica “Tito Schipa” nata con la Fondazione ICO Tito Schipa di Lecce e per l’occasione, guidata dal maestro Marcello Panni.
“Questa volta dirigerò personalmente” ha affermato il maestro, “Le musiche di Prokofiev sono particolarmente difficili, per quanto belle, senza contare che le novità dell’allestimento.”

E’ di rinnovamento infatti, che ha parlato Fredy Franzutti, spiegando l’esigenza di ogni coreografo di cambiare le proprie coreografie almeno ogni 5 anni di lavoro. Il direttore del Balletto del Sud, ha inoltre voluto sottolineare che niente, dai costumi alle sceneggiature, è stato realizzato con le moderne tecniche digitali: “fondali dipinti, quindi, paillettes cucite a mano ai costumi e quant’altro.”

Oltre alle tre serate di spettacolo – che saranno alle ore 21.00 venerdì e sabato e alle 18.00 domenica – la compagnia danzerà anche la mattina per un progetto che intende avvicinare i giovanissimi al teatro e alle arti. Numerose scuole infatti, in tutto il Salento, hanno aderito all’iniziativa e assisteranno allo spettacolo di Romeo e Giulietta tra giovedì, venerdì e sabato mattina.

L’assessore alla cultura Simona Manca, presente alla conferenza, ha espresso il suo entusiasmo per questa manifestazione che si inserisce all’interno della rassegna Salento d’Inverno, data la sua importanza, e che fa parte di un progetto che intende salvaguardare la cultura e i posti di lavoro di coloro che animano l’ambiente dello spettacolo, nonostante il periodo difficile di crisi.
“La cultura occupa un posto privilegiato, perché nonostante i tagli, la Provincia si è ripromessa di non eliminare i posti di lavoro e di sostenere la cultura ad ogni costo.”