Natale tempo di Presepi, grandi, piccoli, tradizionali innovativi o viventi. In molti comuni salentini parte la gare all’allestimento che coinvolge comitati, associazioni e liberi cittadini tutti insieme attorno alla tradizione più lunga dell’era cristiana. Così l’Azienda di promozione Turistica di Lecce, promuove la “Città dei Presepi” che coinvolge 29 comuni e caratterizza il Natale salentino dal 21 dicembre al 6 gennaio

Capofila il comune di Lecce con il Presepe allestito nell’Anfiteatro romano con statue a misura d’uomo realizzate dagli abili cartapestai leccesi. Ma anche Alliste, Carpignano Salentino, Casalabate, Casarano, Castro, Cavallino, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Diso, Galatina, Galatone, Gallipoli, Guagnano, Martignano, Monteroni di Lecce, Montesano Salentino, Novoli, Palmariggi, Parabita, Sanarica, San Pietro in Lama, Santa Cesarea Terme, Specchia, Strudà, Taurisano, Tricase, Vignacastrisi e Torrepaduli.

“Un modo per creare un circuito turistico, ha spiegato la commissaria Apt Stefania Mandurino, e per far conoscere usi costumi tradizioni e mestieri di una terra ricca, oltre che di fascino, anche di saperi”. Grande sinergia organizzativa tra l’Apt e il Comune di Lecce che per la visita alle “Città dei Presepi” hanno predisposto un servizio di trasporto in bus gratuito, con 14 specifiche linee. Un vero e proprio itinerario dell’arte presepiale, attorno al quale gli organizzatori hanno organizzato una rete mirata di servizi per la fruizione turistica locale e nazionale.

Soddisfatto della collaborazione tra enti l’Assessore alla Cultura del comune di Lecce Massimo Alfarano, che crede nella realizzazione di eventi cittadini e provinciali finalizzati all’arricchimento del territorio. Una menzione speciale è stata riservata al Presepe di Tricase, ques’anno alla 31esima edizione e che ha registrato negli anni, una crescita culturale e turistica di portata nazionale. Claudio Pispero, vicesindaco del comune ha illustrato in conferenza le novità di quest’anno, dal piano traffico studiato per agevolare il flusso degli oltre centomila visitatori previsti, alle diverse scenografie per opera dei comitati organizzativi, al coinvolgimento degli alunni della scuola media dell’Istituto comprensivo I Polo che sfileranno con i costumi tipici. Uno speciale tributo al presepe di Tricase è statao dato dal regista Edoardo Winspeare, membro del comitato promotore, che ha realizzato u film nella scenografia dello stesso presepe. Mentre il professor Cuccodoro, portavoce per Cerfignano, ha illustrato la particolarità del Presepe vivente del loro comune che, unico in Italia, espone cento natività artistiche. Una chicca è invece riservata al comune di Palmariggi che espone, all’interno del museo della conchiglia, piccoli capolavori realizzati con elementi marini.  Castro e Specchia prestano il loro centro storico alla raffigurazione vivente

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × cinque =