“Amolab” , il  progetto per il parto sicuro, si è aggiudicato il Premio nazionale innovazione 2010, la piu’ importante competizione nazionale per progetti d’impresa ad alto contenuto innovativo nati in ambito universitario e degli enti pubblici di ricerca.

Presentato  dai ricercatori dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche di Lecce, Sergio Casciaro, Francesco Conversano ed Ernesto Casciaro, in collaborazione con gli imprenditori Matteo e Stefano Pernisa,  “Amolab” ha conquistato la commissione tra le 60 idee imprenditoriali vincitrici delle principali Start Cup e Business plan competitions bandite da atenei e regioni italiane.
La ricerca esplora l’ambito dell’ostetricia ginecologica, in particolare il monitoraggio della progressione del parto, reso possibile  grazie all’innovativo dispositivo biomedicale a ultrasuoni.
Il dispositivo rende, inoltre,  disponibili in real time gli indicatori di progressione del parto: in questo modo si punta a ridurre significativamente sia i rischi di scelte inadeguate da parte di medici e operatori, sia il numero di interventi chirurgici ‘non necessari’, a vantaggio della salute sia delle gestanti sia dei nascituri.
Il progetto Amolab, gia’ selezionato dalla giuria della Start Cup Cnr-Il Sole 24 Ore, durante la finale svoltasi il 4 novembre scorso al Festival della Scienza di Genova, per l’area Sud, si e’ aggiudicato un premio di 50 mila euro offerti da Intesa San Paolo, finalizzato ad avviare l’idea di business.
Avendo all’attivo due brevetti internazionali,  il dispositivo e’ gia’ in fase avanzata di sviluppo.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 − 5 =