Nonostante la crisi economica che sta attanagliando il nostro Paese, secondo i dati forniti dall’Osservatore Immobiliare Rubino, i pugliesi stanno investendo sul mattone, o almeno quelli che ne hanno la possibilità economica.

Infatti, secondo tale analisi del mercato immobiliare, sono in forte aumento i pugliesi che nel corso di quest’anno hanno acquistato casa. A Bari in particolare si cercano appartamenti composti da quattro, cinque vani, mentre a Lecce ci si accontenta di bilocali o di residenze con tre camere. Ciò che va sottolineato è che nella maggior parte dei casi l’acquisto di questi immobili non è finalizzato all’uso abitativo da parte dei proprietari. In un periodo di forte difficoltà economica si è preferito, infatti, investire: questi appartamenti verranno adibiti a bed&breakfast. In una regione come la nostra che fortunatamente non ha conosciuto la crisi turistica, ma anzi vede ogni anno un vertiginoso aumento di chi ha scelto di trascorrere le proprie vacanze in Puglia, questa si rivela una scelta decisamente azzeccata. Dai dati emersi si evince che gli appartamenti si cercano nella quasi totalità dei casi su internet, un modo questo pratico e veloce per visualizzare le foto che descrivono l’immobile in questione, onde evitare spiacevoli sorprese e inutili perdite di tempo.  È emerso che, dei 150.000 pugliesi che nel 2010 hanno acquistato casa, la maggior parte di chi ha utilizzato internet per la propria ricerca sono donne, professionisti e giovani, i quali hanno più familiarità e dimestichezza con il web. Ma l’acquisto di una casa è un’ardua impresa: infatti i tempi necessari per espletare burocraticamente la vendita, variano dalle quattro alle otto mensilità, e in media, occorrono almeno cinquanta telefonate, tra agenzie immobiliari e privati, prima di trovare la casa dei propri sogni, o almeno, per le proprie esigenze.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × 3 =