Domenica 12 dicembre (ore 20.00 – ingresso gratuito) la Taverna Vecchia del Maltese di Bari, che il 23 dicembre compie trent’anni, prosegue la serie di eventi per celebrare la ricorrenza e ospita una serata tutta dedicata alle produzioni editoriali e musicali della Cooperativa CoolClub di Lecce.

Dalle 20.00 si parte con la presentazione della collana editoriale Coolibrì, a cura di Coolclub per Lupo Editore. Coolibrì è piccolo, agile e leggero. È un libro che nasce da un giornale che nasce da una cooperativa. Un gruppo di ragazzi con la passione per la musica e la scrittura convinti che ci sia ancora bisogno di canzoni e storie. E Coolibrì è un po’ rock and roll, fatto di vite a cui diamo forma e volume. Come fossero una chitarra e questa collana editoriale un amplificatore. Uno sguardo su ciò che ci piace, senza badare ai generi. Finora la collana ha ospitato “Sono un ragazzo fortunato” di Marco Montanaro e “Libro sui libri (9 racconti sull’esperienza della lettura)”, una raccolta di racconti a cura di Rossano Astremo nella quale Giuseppe Braga, Eva Clesis, Gabriele Dadati, Maura Gancitano, Elisabetta Liguori, Giancarlo Liviano D’Arcangelo, Teo Lorini, Flavia Piccinni e Nadia Terranova, ciascuno con il proprio stile e la propria voce, danno vita a nove testi inclassificabili, che flirtano con le linee dell’autobiografia, della narrazione e della saggistica senza rientrare nel pentolone di nessuna di esse. La serata sarà anche l’occasione per presentare il nuovo numero della rivista Coolclub.it dal titolo Io Canto Italiano. Un numero dedicato al rock e all’indie cantato in italiano attraverso le interviste a Valerio Soave, ideatore della Mescal, a Vasco Brondi alias Le Luci della centrale elettrica, a Emidio Clementi, leader dei Massimo Volume, a Simona Gretchen, che ha vinto il premio Fuori dal Mucchio all’ultima edizione del Mei ed è una delle nuove e poche voci al femminile del rock italiano, e ad Enrico Deregibus (curatore della Leva cantautorale degli anni 0). Il giornale ospita inoltre le interviste a Simon Reynolds, Riccardo Bertoncelli, Beatrice Antolimi, Ministri, Carlo D’amicis, Cosimo Argentina, Simone Sarasso e molte altre recensioni, articoli, eventi curiosità.

Dalle 21.00 spazio alla musica di Lucia Manca, una giovane cantautrice raffinata, dotata di una scrittura elegante e profonda, compone intrise di forza immaginativa, espressione senza limiti di tempo e spazio. La sua musica risente della poetica delle più note canzoni d’autore insieme al folk, al pop e al rock. Cosi nasce nel 2007 il primo Ep Sospesa, a cui segue un’intensa attività live, ottenendo buoni consensi di pubblico e critica. Un suo brano scritto insieme a Gianluca De Rubertis (Il Genio) è inserito ne “I Prepotenti”, primo titolo della collana di albi illustrati TrentatrèperTrentatrè, pubblicata da Lupo editore. Attualmente sta lavorando al primo cd con la produzione artistica di Giuliano Dottori, cantautore milanese e chitarrista degli Amor Fou. La sua nuova produzione (andata in scena al Teatro di Novoli  venerdì 10 dicembre) rientra nell’ambito dell’intervento “Puglia Sounds – Produzione in Puglia di Nuovi Spettacoli Musicali” promosso dalla Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo  finanziato dal FESR ASSE IV e attuato dal Teatro Pubblico Pugliese.

Alle 21.30 sul palco dello storico locale barese chiuderanno la serata Tobia Lamare & The Sellers, band salentina che ha da poco pubblicato The Party, cd d’esordio della Lobello Records. La band nasce in Salento, nel sud est dell’Italia, vive e cresce in una campagna che non è bagnata dal Mar Mediterraneo, ma confina con il Mississipi e il Tennessee. Nella Masseria Lobello Tobia Lamare coltiva la terra, i suoi affetti, scrive e registra le sue canzoni. Un luogo che è casa, ma anche sala prove, teatro, spazio d’arte e residenze. È qui che prende forma The Party, un concept album che racconta una festa dove le persone si scontrano, parlano, si incrociano, scappano, si innamorano, suonano. Il disco nasce dall’esperienza di Stefano Todisco, alias Tobia Lamare, che dal 1993, come dj, fa girare i vinili più improbabili nei locali salentini e non solo. Tobia è la parte rock’n’roll del Salento, il punto di riferimento per le persone che vogliono ballare il soul, l’indie. E le feste sono gallerie di vite e personaggi capaci di raccontare le storie che compongono questo album. Il nuovo progetto di Tobia Lamare, leader degli Psycho Sun, è fatto di ballate acustiche che uniscono il folk di Neil Young alle asprezze dei Violent Femmes, un progetto nato in campagna e ispirato, nel suono, dagli spazi aperti, dai camini, dall’autunno fatto di amici e tanti cani. Tobia Lamare & the Sellers omaggiano il grande folk, il country, il rock’n’roll (Bob Dylan, Elvis, Eagles, Johnny Cash) ma anche i Pavement e i Cure.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.