Giovedì 23 dicembre (ore 22.00 – ingresso 5 euro) alle Officine Cantelmo di Lecce va in scena il Winter Party realizzato in collaborazione con Coolclub. Sul palco il rock/folk jazz d’autore dei Camillorè e le selezioni del dj Carlo Chicco, direttore artistico di Controradio Bari.

Una notte Re Camillo I, prima di allontanarsi nella terra dei sogni e perdersi nei cieli d’estate, consegnò, nelle mani di pochi sognatori, le chiavi della follia e le chitarre dell’ironia. Da quella magica notte, aedi e cantautori, mascalzoni e calzolai stralunati, guidati dal Principe de Curtis, detto Totò, dal Socratico Kazoo e dal Poeta Eduardo, si misero in marcia nel Fellinian Bosco. Un’infinita carovana colorata di anime vaganti e circensi che giunse nel regno di Sghisghigno, dove tutto si realizza e dove unica regola fu quella di sognare, scrivere e brindare alla felice fantasia. Questo coloratissimo trenino prosegue ancora oggi il suo viaggio senza sosta attraverso i Camillorè. Lo spettacolo della band propone oltre due ore di musica rock/folk jazz ambientata nel “surreale” mondo di “Sghisghigno”, un regno fatto di sogni e fantasia. Teatro – Canzone d’autore, quella dei Camillorè, ricca di momenti estremamente allegri, alternati ad atmosfere grottesche e poetiche con lo scopo ben preciso di far pensare, sognare e coinvolgere il pubblico, rendendolo parte integrante dello show.

Il favoloso mondo di Sghisghigno e dello strambo Re Camillo, attraverso piccole ma divertenti scenografie coloratissime e i metaforici testi delle loro inedite canzoni, miscelano leggende di inventati personaggi con riferimenti ai grandi del Teatro e del Cinema italiano come Eduardo De Filippo, Totò e Federico Fellini. Nel 2010 sono saliti sul prestigioso palco del Primo Maggio a Roma. Con un album ufficiale all’attivo dal titolo “Non mordete le ali alla cicogna”,i Camillorè sono attualmente impegnati in una tournèe. La band è composta da Davide Ceddia (voce e kazoo), Marco Malasomma (batteria), Gerardo Antonacci (basso), Luca Antonazzo (sax), Roberto Baratto (tastiera), Gianpiero Fortunato (chitarra).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

nove + diciassette =