Alla Masseria Ospitale sulla Lecce-Torre Chianca prosegue anche a dicembre l’appuntamento settimanale con il Giovedì colturale a base di arte, musica e gastronomia. Esibizioni live, presentazioni di libri, mostre d’arte saranno infatti accompagnate dalle specialità del ristorante della masseria con menù speciali.

Giovedì 23 dicembre appuntamento con Messapia 21, progetto nato pochi mesi fa dalla collaborazione tra Alessandro Dell’Anna (chitarra), Giuseppe Spedicato (basso) e Maurizio De Tommasi (batteria). Partendo da brani rivisitati riferibili ad artisti quali Bill Frisell, John Scofield, Jacob Young, Path Metheny, Messapia 21 propone sonorità acustiche basate su un linguaggio diretto ed essenziale. Brani inediti volti alla ricerca di soluzioni timbriche e ritmiche originali, infine, completano la proposta musicale di Messapia 21. L’esperienza dei musicisti che compongono il gruppo, deriva da anni di studi musicali nei vari settori quali il jazz in primo luogo, per incontrare nelle varie esperienze musicali realtà come la musica tradizionale, la fusion, il rock. Nel quartetto si aggiungono l’esperienza e la raffinatezza delle sonorità calde e graffianti di Roberto Gagliardi (sax).

Giovedì 30 dicembre ultimo appuntamento dell’anno con gli inediti cantautorali dei Piazza Indipendenza. Le suggestioni un po’ crepuscolari delle sedie misto-vimini, Nina che danza su una stella, le magiche atmosfere di un bistrot, di cioccolata calda, il lambrettino rosso, il paese delle meraviglie, i fendinebbia, il cielo di novembre, l’umidità, la bora che spira sopra il cappello, le giacche a vento piene di ansie e di paure, la luna bavarese da affondarci le narici, il sorriso ironico di un uccello libero, il silenzio rotto solo dai tuoi passi, storie di patetici pierrot, le linee maginot, le gocce di adriatico e di malvasia. Piazza Indipendenza sono Max Vigneri (testi-musiche e voce), Debora Negro (arrangiamenti-piano e sint), Irene Marchese (oboe), Angelo Benedetto (batteria-cajon), Marco Maria Polo (basso).