La cultura e le tradizioni gallipoline e salentine saranno tra le protagoniste dell’udienza che si terrà mercoledì prossimo (15 dicembre) nella Santa Sede, alla presenza di Sua Santità Benedetto XVI. Il merito di questa “esportazione” culturale è dell’istituto scolastico

del Terzo Polo, diretto da Marcella Fiorini, che sarà presente al gran completo per l’appuntamento romano dei prossimi giorni. I ragazzi gallipolini, infatti, si esibiranno nel tradizionale ballo salentino, la “pizzica” e faranno precedere la loro performance dalla consegna al pontefice di alcuni doni particolarmente significativi: un mosaico raffigurante l’ecumenismo e l’abbraccio delle diverse religioni (realizzato dagli stessi alunni del Terzo Polo), un cesto di dolciumi gallipolini tipici del periodo natalizio ed una pregiata Natività in cartapesta, dono quest’ultimo dell’Amministrazione Comunale, che ha così voluto segnare la propria vicinanza per questo evento. “Siamo pienamente convinti che l’entusiasmo e l’impegno con cui gli alunni del Terzo Polo, guidati dai loro docenti e sotto la supervisione del dirigente scolastico, hanno preparato questo momento così atteso e sentito – ha spiegato il vicesindaco Francesco Errico, che ha tra le sue deleghe assessorili anche quelle alla Cultura ed al Turismo –  sapranno essere un ottimo strumento per presentare a Sua Santità una parte fortemente identitaria ed ugualmente apprezzata della nostra cultura. Per la Città di Gallipoli la presenza dei piccoli alunni del Terzo Polo nella Santa Sede è motivo di grande orgoglio e per questo ringraziamo l’istituto scolastico per l’opera di diffusione, in un contesto di assoluto rilievo e prestigio, di una delle eccellenze del nostro essere cittadini gallipolini e salentini”.