Continua l’attività delle Fiamme Gialle a contrasto del gioco illegale ed a protezione dei consumatori da proposte insicure e pericolose perché non gestite e garantite dallo Stato, come, ad esempio, le raccolte abusive di denaro, effettuata in alcuni centri di scommesse on-line, gestite da bookmaker esteri non autorizzati ad operare nel nostro paese.

Ancora una volta, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce, in due distinte operazioni di servizio, hanno individuato un giro di scommesse clandestine on-line legate ad eventi sportivi. I gestori dei rispettivi centri illegali situati nella provincia, sprovvisti delle autorizzazioni previste dalle leggi di Pubblica Sicurezza, raccoglievano e gestivano telematicamente scommesse su eventi sportivi.

In uno dei due casi, il gestore era solo autorizzato a gestire un “internet point” ovvero  un luogo dove è possibile utilizzare un computer con accesso ad Internet a pagamento, di solito a tariffa oraria o a minuti.

I Finanzieri, constatata la totale assenza delle autorizzazioni prescritte, operavano una perquisizione all’interno dei locali dei centri scommesse che si concludeva con il sequestro di 11 personal computer, un hard disk e stampanti, utilizzati per le giocate clandestine, nonché la somma di circa 40 euro provento dell’attività illecita.

I gestori sono stati denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Lecce per il reato di esercizio di scommesse clandestine.