Le Fiamme Gialle di Gallipoli, a conclusione di complesse indagini economico finanziarie in materia di reati fallimentari, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce una imprenditrice della provincia, operante nell’edilizia, per il reato di bancarotta fraudolenta.

Le indagini dei Finanzieri hanno permesso di rivelare una pluralita’ di gravi condotte fi-nalizzate al raggiungimento di un preordinato programma delittuoso che, nella sua successione temporale, ha determinato il progressivo svuotamento del patrimonio a-ziendale, in pregiudizio dei creditori. La bancarotta fraudolenta si e’ realizzata mediante una sistematica opera di svilimento del patrimonio aziendale, attuata attraverso la distrazione di attrezzature ed impianti, di beni, nonche’ attraverso plurime distrazioni di somme di denaro da parte della titola-re, nel periodo precedente la declaratoria di fallimento dell’impresa, per un importo complessivo di oltre 170 mila euro. Sono state accertate, inoltre, irregolarita’ contabili commesse con il fine di impedire la ricostruzione del volume di affari dell’impresa, in relazione alle quali la donna denunciata rispondera’ anche del reato di bancarotta documentale, in quanto le disposizioni normative prevedono l’obbligo dell’imprenditore alla regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili.