Angela Notarnicola, in arte Angià, scopre la sua naturale propensione alla pittura sviluppando, contenuti pittorici dove forme e colori esprimono la sua sensibilità artistica. Immagini e colori prendono forma consentendo l’approccio con un pubblico sempre più vasto, aprendo così una nuova fase espressiva, dove le sue opere, mature di contenuti tematici si arricchiscono di tecniche più elaborate.

L’artista, che ha esposto le sue opere in Italia e all’estero e vinto numerosi premi d’arte, predilige utilizzare come apparato iconografico una continua oscillazione tra il formale e l’informale, tra l’astratto e il figurativo, sovente impiegando forti giustapposizioni policromiche a testimonianza che il reale, ciò che ci circonda, è sfuggente e quasi a volte inafferrabile. La personale di pittura nelle sale di Cibus Mazzini, è la testimonianza di un percorso dell’anima che è dialogo con l’altro in un reciproco scambio di costruzione semantica della gioia creatrice.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.