“Ringrazio Antonio Torricelli che ha ripercorso il lungo iter di questa vicenda, che risale a dieci anni fa e di cui evidentemente non possiamo avere la paternità”. Così il sindaco Paolo Perrone risponde al vice presidente vicario del Consiglio comunale Antonio Torricelli sulla complessa vicenda del cosiddetto “lodo Monticava”.

“E’ singolare la circostanza – prosegue – che egli continui a puntare l’indice contro questa amministrazione, che ha ereditato dal passato la seccatura del “lodo Monticava”, al pari di altre come quelle sulla tangenziale, lo Iacp, la Ambiente & Sviluppo. Si tratta di debiti fuori bilancio chi ci sono toccati in dote, e che abbiamo riconosciuto sin ora, per oltre 20 milioni di euro complessivi. Mi fa piacere la presa di posizione di Torricelli, che ci ricorda la genesi di zavorre senza le quali il percorso di questa amministrazione sarebbe stato ben diverso. Ci sarebbe piaciuto, infatti, utilizzare ad altri scopi questi soldi, ovviamente per servizi e utilità ai cittadini. Prendiamo atto del lodo, che riduce le pretese della Monticava Strade s.r.l. fino a circa 807 mila euro più gli interessi, che in ogni caso riteniamo eccessivi. Per questo, senza dubbio, procederemo ad impugnarlo”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

15 + 10 =