Attentato incendiario a Maglie, dove qualcuno ha lanciato una molotov contro l’abitazione di Donato Vergari, 71enne, del posto, ausiliario delle esecuzioni giudiziarie.

La bottiglia incendiaria è stata gettata nel cortile della sua villetta in via Muro, civico 100, poco prima della mezzanotte. A quell’ora, in casa, c’era proprio il 71enne, destato dal rumore dello scoppio della bottiglia che, fortunatamente, non ha provocato danni ingenti: solo la rottura di una fioriera. Le fiamme propagatasi si sono estinte subito e non è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

L’uomo, scoperto quanto successo, ha poi segnalato l’episodio al 112.

Sul posto, in pochi minuti, sono giunti i carabinieri della compagnia di Maglie, che hanno provveduto a recuperare i resti della molotov, sui quali ora verranno eseguiti accertamenti.

Ai militari, Vergari non ha saputo fornire spiegazioni sull’episodio, ma le indagini vertono proprio sulla sua attività professionale: non è escluso, infatti, che l’attentato sia una sorta di avvertimento o una ritorsione per aver fatto un torto a qualcuno.

Nella zona, particolarmente isolata, nessuno pare abbia visto nulla, ne sentito rumori di auto o moto sospetti, prima dell’esplosione. Via Muro ricade in una zona periferica di Maglie, lontana da attività commerciali e da telecamere, che potrebbero aver ripreso gli autori del gesto.

Ai militari il compito di rintracciarli.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due + dodici =