“Napolitano firma: la riforma Gelmini è legge. Nonostante l’incontro di pochi giorni fa con gli studenti era stato visto come un segnale di apertura del Presidente della Repubblica nei confronti del movimento.” Lo comunica in una nota l’  Unione degli Universitari Lecce.

“I punti in comune fra le istanze degli studenti e le critiche del presidente sono molteplici, innanzitutto deve essere rivisto l’emendamento della Lega Nord secondo il quale una quota delle borse di studio è riservata ai residenti della regione, devono essere destinati maggiori fondi alle università e devono essere deprecarizzate le figure professionali del mondo universitario.

Il Ministro Gelmini ha definito di secondo piano le criticità del Presidente della Repubblica, ovvero ha definito di secondo piano le criticità ad una norma che lede il diritto allo studio universitario.
Ha dimostrato, ancora una volta, di aver strutturato una riforma basandosi sui tagli e sui poteri forti, nascondendosi dietro le parole di propaganda “merito ed efficienza”, e non sul diritto allo studio e qualità della ricerca e della didattica.

Il movimento leccese era pronto alla firma e ora serra le fila: non è il momento di lasciare la presa. Continueranno nei prossimi mesi le attività nel ateneo, che mirano a prosegurie la loro opera di controinformazione  per portare la protesta all’interno della società civile, sfruttare ogni mezzo istituzionale e non per far arrivare la voce degli studenti in quel parlamento italiano da cui non ci sentiamo rappresentati.
Infine ripartiremo dall’Altrariforma, una serie di proposte elaborate nel corso dell’occupazione dell’ateneo, che porteremo avanti negli organi preposti dell’Università del Salento.”