La tregua è durata appena 24 ore. Nuova, ennesima, rapina in città, dove due banditi armati di pistola hanno rapinato di oltre 10mila euro la tabaccheria, in piazza Scipione dei Monti, una zona periferica della città.

Mancavano pochi minuti alla chiusura dell’attività, quando i due rapinatori, che hanno agito col volto coperto da caschi integrali, hanno fatto irruzione nella tabaccheria. All’interno del locale c’erano soltanto il titolare ed il padre che, all’improvviso, hanno visto puntata contro di loro una pistola. Rapidi e determinati, i banditi hanno minacciato pistola alla tempia i due uomini, costretti a consegnare loro i soldi e gli assegni contenuti nel registratore di cassa, per un totale di oltre 7mila euro. Ma non è tutto. I banditi, infatti, prima di fuggire, hanno anche sfilato il portafogli dell’anziano padre, al cui interno custodiva ben 3mila euro in contanti. Guadagnata l’uscita, i due malviventi sono saliti in tutta fretta su uno scooter, parcheggiato proprio davanti la tabaccheria, poi fuggito senza lasciar tracce. Superato lo shock iniziale, le due vittime hanno allertato le forze dell’ordine. Gli agenti delle volanti della Questura di Lecce hanno immediatamente raggiunto il locale, dove hanno ascoltato la testimonianza dei due uomini, avviando le ricerche. Gli uomini della squadra mobile, invece, hanno avviato le indagini. Le modalità d’azione della scorribanda ricordano quelle perpetrate nei giorni scorsi: due giovani a bordo di uno scooter che si muovono rapidi ed armati.

E la chiamano microcriminalità

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

15 − 3 =