“Centrodestra e centrosinistra pugliesi festeggiano l’accordo Governo-Regione Puglia che distrugge la sanità pubblica e rilancia la sanità privata. I due blocchi politici borghesi, guidati da Vendola e Fitto, si accordano per un Piano sanitario che silura 19 ospedali pubblici, 2250 posti letto, impone il blocco del turn over e il ticket sulle ricette. Mentre saltano le assunzioni dei precari della sanità”.

Tutto quello che Michele Rizzi, coordinatore regionale di Alternativa comunista, aveva previsto in campagna elettorale lo ripete in questa nota a Piano approvato, confermando le ipotesi. “Un gioco delle parti tra centrosinistra e centrodestra, continua Rizzi, ai danni dei più deboli che saranno costretti a curarsi fuori regione o ad ingrassare i profitti dei privati.  450 milioni di euro di tagli per 500 milioni di euro di finanziamenti statali! Per non parlare poi dei finanziamenti alla sanità privata di Don Verzè e delle cliniche convenzionate. Tutta la sinistra governista è schierata a difesa di questo Piano sanitario di tagli. Alternativa comunista, l’unica forza politica schierata da sempre al fianco della sanità pubblica, continuerà la battaglia nelle città interessate a fianco dei comitati di lotta, da Gagliano del Capo a Spinazzola, per impedire questo scempio”.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × 5 =