Il penultimo appuntamento della Stagione Sinfonica d’Autunno dell’Orchestra “Tito Schipa” di Lecce è riservato all’attesissimo balletto, in coproduzione – come d’abitudine – con la compagnia Balletto del Sud di Fredy Franzutti, in programma venerdì 17 e sabato 18 dicembre, alle ore 21, e domenica 19, alle ore 18, nella suggestiva cornice del Politeama Greco.

La scelta del titolo da proporre è caduta quest’anno su Romeo e Giulietta di Sergej Prokof’ev, in una nuova versione firmata dallo stesso Franzutti, sempre deciso e appassionato nell’affrontare i grossi calibri della letteratura ballettistica, che ha voluto ancora una volta emozionare, creando un aggancio tra il dramma shakesperiano e i tempi di Prokofiev, con uno spettacolo metafisico, dove antico e moderno s’incontrano. Nuove le scene, nuovi i passi e un apparato scenografico ricchissimo, dove le ambientazioni e i costumi, ispirati al periodo umanistico, rielaborano i luoghi della vicenda che si identificano nei momenti clou della storia: la piazza di Verona, il giardino con il balcone, la camera da letto, l’esterno della casa di Giulietta, la sala della festa del palazzo Capuleti, la chiesa di frate Lorenzo, la tomba. I ruoli del titolo sono affidati ai due primi ballerini del Teatro dell’Opera di Tirana, Enada Hoxa e Gerd Vaso, mentre la balia, Tebaldo e  Mercuzio sono i bravissimi Elena Marzano, Alessandro De Ceglia e Massimiliano Rizzo. Il padre di Giulietta Capuleti è Luca Lago, elemento storico della compagnia, Madonna Capuleti è Bilyana Dyakova. A loro si affiancano tutti i solisti del Balletto del Sud.  
Sul podio dell’Orchestra “Tito Schipa” salirà il direttore artistico e principale, Marcello Panni. Le scene sono di Francesco Palma e le luci di Piero Calò.
Romeo e Giulietta di Prokof’ev fu rappresentato per la prima volta a Brno nel 1938, entrando subito nel repertorio tra i grandi classici del balletto moderno. La musica del compositore sovietico sottolinea con aderenza espressiva la più celebre storia d’amore di tutti i tempi, aggiungendo una ricchezza di invenzione melodica e ritmica tale da renderla un classico nel panorama musicale del secolo scorso.
Gli spettacoli serali saranno preceduti da tre matinée per le scolaresche nei giorni di giovedì 16, venerdì 17 e sabato 18 dicembre. In quest’ultima data, si terrà anche, alle ore 19,00, nel Foyer del Politeama Greco, una conferenza sulla storia del balletto Romeo e Giulietta dal titolo “Gli infelici amanti di Verona” a cura del giornalista e critico Ermanno Romanelli.