E’ stata presentata ieri dall’Isvap, l’organo di controllo delle Assicurazioni, una segnalazione ai presidenti del Senato e della Camera, al presidente del Consiglio e al ministro dello Sviluppo Economico “per sottoporre al Parlamento e al Governo l’opportunità di alcuni interventi normativi nel settore della Rc auto volti a ridurne i costi per il cittadino”. L’articolata nota che esprime una serie di criticità del settore proponendo l’introduzione di alcune modifiche, sarebbe stata elaborata dopo un confronto con ANIA (Associazione Nazionale delle Imprese Assicurative) e le otto associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative

 

Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti, non può che esprimere stupore per la serie di proposte che al di là di qualche modesto spunto illuminato (fra questi l’introduzione di  tabelle uniche nazionali per la valutazione del danno da macropermanenti), puntano quasi esclusivamente il dito contro l’assicurato – danneggiato, riducendo il fenomeno dell’aumento delle tariffe ad un fatto eterogeneo determinato quasi esclusivamente dalle frodi e non guardano invece a trovare soluzioni per un mercato, fin troppo oligopolisitico da una parte, ed al fallimento della famigerata procedura d’indennizzo diretto (o CARD) dall’altra.

La CARD introdotta a partire dal 2007 che era stata salutata dalle compagnie assicurative, ma anche dalle associazioni dei consumatori, come la manna dal cielo perchè avrebbe riequilibrato il mercato e ridotto  le tariffe assicurative attraverso il tentativo di eliminazione dell’intervento dei patrocinatori, si è rilevata, purtroppo come avevamo previsto a dir poco fallimentare anche secondo alcuni dati sostanzialmente ammessi anche dall’ISVAP, mentre il settore è andato sempre più concentrandosi assumendo la forma e la sostanza di un mercato ristretto in cui otto grandi gruppi assicurativi la fanno da padrone determinandone, di fatto l’andamento.

Ciò che sorprende ancor di più non sono le legittime aspettative delle compagnie che in quanto quasi tutte s.p.a. e quotate in borsa pretendono il profitto come loro ragion d’essere. Le dichiarazioni a caldo sull”intervento dell’ISVAP di autorevoli esponenti delle associazioni dei consumatori, in particolare di Renzi, presidente del CODACONS ammettono la necessità di maggiori controlli sulla carenza di concorrenza tra gli operatori e sostengono quale  possibile soluzione “l’eliminazione dell’obbligatorietà dell’rc auto” – che avrebbe conseguenze devasanti in periodi di crisi come quello che stiamo attraversando per la grandissima probabilità che tanti automobilisti non sottoscrivano alcuna polizza. Un grave errore nella riforma della R.C.Auto è stata l’ìntroduzione del famigerato “indennizzo diretto” e la mancata adozione di una stringente normativa antitrust tesa ad eliminare la concentrazione del mercato assicurativo, tutte esigenze che da anni, continuiamo a ripetere, divenute indifferibili per una sensibile riduzione dei costi per i cittadini-assicurati-danneggiati.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici − 7 =