Sarà una domenica all’insegna della cultura quella del 19 dicembre p.v. con due avvenimenti dal grande, seppur diverso, significato culturale.
Il primo in ordine di tempo sarà l’inaugurazione, alle ore 19.30 nel Palazzo della Cultura di Piazza Umberto I

, della mostra fotografica “Uno sguardo al passato. Poggiardo dal 1900…”, organizzata dall’Amministrazione Comunale, che ripercorre nelle oltre 300 immagini raccolte gli ultimi cento anni di storia poggiardese.
Un’esposizione ricchissima ed emozionante che rievoca momenti pubblici e privati attraverso fotografie del tutto inedite, frutto del meticoloso ed encomiabile lavoro di ricerca svolto nell’arco di due anni dai tre curatori della mostra,  Anacleto Vilei, Gabriele Barone e Alberto Mauro. Un progetto sposato dall’Amministrazione comunale che ne ha immediatamente colto l’alto valore culturale per la comunità. La mostra del resto, come si diceva, ricorda gli avvenimenti più importanti e significativi della storia di Poggiardo, spaziando dai momenti culturali, politici, sportivi, festivi e di particolare interesse storico per il paese, come l’inaugurazione dell’ospedale “Francesco Pispico”, restituendo una preziosa e fondamentale memoria collettiva.
Un unicum che potrà essere apprezzato per tutto il periodo delle feste natalizie, dal 19 dicembre fino al 19 gennaio, con i seguenti orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 18.30 e il sabato dalle ore 16.00 alle ore 18.30.

Ma l’inaugurazione della mostra, come si diceva, farà da preludio ad un altro evento culturale particolarmente atteso: alla 21.00 infatti ci sarà l’apertura della stagione teatrale del Teatro Illiria con un classico della comicità napoletana “La lettera di Mammà” di Peppino De Filippo.
L’esilarante farsa, portata magistralmente in scena dalla compagnia teatrale TaliAnxa con la regia di Pino Della Rocca, rappresenta senza dubbio uno dei capolavori del teatro di genere “in un crescendo di situazioni divertenti che, mettendo bene in luce il carattere dei personaggi in un sagace intreccio tra apparenze e verità, ci richiama a quel gioco delle parti che un attendo lettore può ritrovare nella realtà quotidiana…”.
La rassegna prevede 9 spettacoli: il costo dell’abbonamento  è di € 60,00, per le coppie è di  € 100,00; il costo del biglietto per assistere ad un solo spettacolo è di € 8,00. I costi sono contenuti grazie al contributo economico dell’Amministrazione  Comunale

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.