Un uomo di 55 anni di Monteroni, Lucio Vetrugno, è stato trovato senza vita intorno alle 08.30 di  questa mattina, nei pressi delle masseria Centonze, in un podere di sua proprieta’, sulla strada che collega Copertino a Carmiano. Al momento l’ipotesi piu’ accreditata dagli inquirenti e’ quella di una morte violenta

, ma restano ancora molti dubbi sulle cause del decesso. Vicino al corpo di Vetrugno i carabinieri hanno recuperato un bossolo calibro 7.65. Al momento è stata riscontrata solo una ferita tra la scapola destra e la nuca
Al momento, però, tutto rimane  avvolto nel mistero, anche la causa del decesso.
Il cadavere, riverso per terra tra l’Audi dello stesso Vetrugno e un furgone Fiat Ducato, e’ stato trovato da alcuni operai che stavano effettuando lavori nella zona della masseria Centonze, sulla strada che collega Copertino a Carmiano. Vicino al furgone gli investigatori hanno trovato una marmitta rotta sui cui bordi c’erano tracce di sangue, per cui gli investigatori non escludono che la ferita mortale sia stata provocata proprio con la marmitta, forse al termine di un litigio tra Vetrugno e un’altra persona. Su disposizione dei magistrati della Procura di Lecce Guglielmo Cataldi e Antonio De Donno, il cadavere di Vetrugno e’ stato trasferito nella camera mortuaria dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove nelle prossime ore il medico legale eseguira’ l’autopsia.

Ore 20.30

La radiografia del cadavere effettuata dal medico legale, ha accertato che Vetrugno è stato assassinato con un colpo di pistola alla testa, mentre la ferita riscontrata tra la scapola destra e la nuca è la conseguenza della caduta

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × quattro =