Si rimette in marcia la composizione definitiva dell’Agenzia per la sicurezza nucleare. Dopo la bocciatura, lo scorso dicembre, di uno dei membri proposti, il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a una nuova nomina che riguarda il quinto e ultimo membro dell’Agenzia.

Nomina che ora dovra’ superare l’esame delle Commissioni Ambiente e Attivita’ Produttive di Senato e Camera. Il neo-nominato all’Agenzia, Stefano Laporta, 43 anni, di Lecce, laureato alla Luiss, vice prefetto, e’ stato tra il 2001 e il 2006 vice capo gabinetto e poi capo gabinetto al ministero delle Pari Opportunita’. Successivamente ha ricoperto l’incarico di sub commissario e soggetto attuatore per l’emergenza rifiuti nel Lazio. Dal 2008 e’ stato sub-commissario dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e, da tre mesi, con la riorganizzazione dell’Istituto, direttore generale dello stesso Ispra. Laporta va ad aggiungersi agli altri membri dell’Agenzia ”promossi” lo scorso primo dicembre, dopo il si’ del Senato, dalle Commissioni Ambiente e Attivita’ produttive della Camera, in seduta congiunta: l’oncologo Umberto Veronesi (presidente dell’Agenzia), Maurizio Cumo, Marco Enrico Ricotti e Stefano Dambruoso. Nella stessa seduta, e poi il giorno successivo, il 2 dicembre, ci fu invece doppia bocciatura per Michele Corradino, Consigliere di Stato, capo di gabinetto del ministero dell’Ambiente. Da qui la nuova nomina e comunque la provvisoria mancanza del quinto componente non inficia la validita’ delle riunioni e delle deliberazioni. Per questo e’ richiesta, infatti, la presenza del presidente e di almeno due membri. Localizzazione dei siti per la costruzione delle centrali, individuazione del deposito per raccogliere le scorie radioattive, sorveglianza e monitoraggio: queste le principali funzioni dell’Agenzia per la sicurezza nucleare. Presidente e componenti durano in carica sette anni e possono essere confermati una sola volta. Tutte le cariche – presidente, commissari e direttore – sono incompatibili con altri incarichi.

CONDIVIDI