Commentando l’approvazione da parte della Giunta regionale della delibera  che autorizza la prosecuzione delle attività per  la realizzazione della condotta sottomarina  ad Otranto (vd pastone a parte) per lo smaltimento dei reflui, l’assessore alle Opere Pubbliche, Fabiano Amati

, ha detto:
“Questa delibera, redatta in collaborazione con l’assessore al Bilancio, Michele Pelillo,riconosce la natura prioritaria del finanziamento da € 3.600.000,00 (fondi PO FESR 2007 – 2013) e consentirà l’avvio dei lavori per la condotta  di Otranto verosimilmente entro il prossimo settembre”.
L’assessore ha poi ricordato che lo scorso 10 gennaio si era svolto un incontro tecnico per affrontare l’argomento, al termine  egli stesso aveva assunto l’impegno di portare oggi in Giunta una delibera finalizzata ad attribuire priorità al finanziamento per la realizzazione di una nuova condotta a servizio dell’impianto di depurazione di Otranto  che, attualmente, scarica nel sottosuolo, procurando non pochi problemi di natura ambientale, ed è per questo che lo scarico a mare è diventata una priorità.  Il progetto preliminare della nuova condotta è pronto e la provincia di Lecce ha già espresso il parere di VIA .
“Nel pieno rispetto dell’impegno preso nel corso dell’incontro tecnico con gli amministratori del Comune di Otranto – ha dichiarato Amati –  la Giunta regionale ha dichiarato che è interesse prioritario della Regione Puglia la realizzazione di condotte sottomarine per lo scarico dei reflui volte a determinare la cessazione dello scarico degli stessi nel sottosuolo e che la stessa dichiarazione costituisce atto di indirizzo per la definizione dei criteri di formazione della graduatoria di ammissione dei progetti meritevoli di finanziamento mediante  risorse PO FESR 2007-2013. Questo ci permetterà – ha concluso – di decretare il finanziamento in tempi brevissimi e di sottoscrivere un disciplinare con l’Acquedotto pugliese, che potrà così bandire la gara ed avviare i lavori entro il prossimo autunno”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.