Banditi scatenati oggi a Lecce. Due rapine in pochi minuti, quando erano da poco scoccate le 15. L’episodio più clamoroso nel rione San Pio, dove i malviventi hanno puntato l’obiettivo sul furgone portavalori della Sveviapol.

Le guardie giurate avevano parcheggiato il blindato in via Pozzuolo, proprio di fronte l’Eurospin, dove erano entrate per ritirare l’incasso del supermercato. Quando sono usciti, però, hanno trovato ad attenderli due banditi che, secondo le prime ricostruzioni, si erano nascosti dietro un tir parcheggiato vicino al blindato, da dove i dipendenti del supermercato stavano scaricando della merce. I rapinatori pare fossero a volto scoperto ed armati di pistole. Hanno colto di sorpresa le guardie giurate, le hanno immobilizzate, sottratto le pistole di ordinanza, e sotto la minaccia delle armi le hanno costrette a consegnare loro il bottino che, secondo una prima stima, dovrebbe superare i 20mila euro. Dunque, sono fuggiti a bordo di un’auto, una Alfa 33, dove probabilmente c’era un complice ad attenderli. Via Pozzuolo è stata poi raggiunta dagli agenti delle Volanti e della Squadra Mobile della Questura di Lecce, dagli uomini della scientifica, e da alcune pattuglie dell’istituto di vigilanza. Gli agenti hanno ascoltato i testimoni, vagliando la possibilità di acquisire i filmati delle telecamere di videosorveglianza delle attività commerciali vicine.

Pochi minuti prima altra rapina nel rione Santa Rosa, ai danni dell’ufficio postale di via Archita da Taranto. Due, anche in questo caso, i banditi entrati in azione. Uno era coperto da casco integrale, l’altro da passamontagna. Pare avessero un taglierino, col quale hanno minacciato i dipendenti per farsi consegnare i soldi, circa 5-600 euro. Un cliente è stato strattonato e scaraventato per terra, mentre due dipendenti sono stati colti da malore. I banditi, arraffato il malloppo, sono fuggiti su uno scooter. Anche in questo caso indaga la polizia.

{youtube width=”400″ height=”300″}07Zx5-kaT5I{/youtube}

 

CONDIVIDI