“Questo silenzio sulla Pet Tac Calabrese è quanto mai assurdo: i malati oncologici di Lecce e della sua provincia meritano delle risposte, che tardano ad arrivare”. È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, che, dopo aver presentato

due interrogazioni urgenti a risposta scritta, torna nuovamente sull’argomento della mancata convenzione alla Pet Tac Calabrase di Cavallino.
“Con garbo, ma non senza amarezza – prosegue Buccoliero – diverse persone affette da patologie tumorali mi pongono le perplessità e le paure che ruotano a questa paradossale vicende. Parliamo di persone che, mentre domani stesso avrebbero potuto, in tutta tranquillità, sottoporsi a questo esame diagnostico ‘salvavita’ nella propria provincia, sono invece costrette ad affrontare lunghi viaggi fuori regione, verso centri come Napoli, Roma o Bologna. Si tratta di una situazione insostenibile, che oltre a creare seri disagi a persone che sono costrette a fare i conti con patologie tumorali, determina dei costi non indifferenti per il servizio sanitario regionale”.
“Non c’è giorno – conclude Buccoliero – che queste persone non facciano sentire la loro garbata protesta, avanzando domande a cui la Regione deve poter dare, nell’immediato, una risposta, che sia anche la garanzia di un diritto sacrosanto come quello alla salute”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × 2 =