“Mi domando che fine abbia fatto la tanto sbandierata capacità di ascolto del presidente Vendola, dove è finita la capacità di mediazione di un uomo, che ha sempre fatto della piazza il suo punto di forza? O esse vanno, forse, ad intermittenza, a seconda dei propri desiderata?”

È quanto si domanda il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, dopo l’assenza del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, alle audizioni delle commissioni Bilancio e Sanità, a cui hanno preso parte i sindaci dei 18 comuni pugliesi interessati dai tagli e dai ridimensionamenti del Piano di rientro sanitario.
“Pesa come un macigno quest’assenza – prosegue Buccoliero – così come pesa il silenzio di un Governo regionale, che non solo è chiamato a decidere, ma anche a spiegare e a confrontarsi con i cittadini, a cui poi si chiedono i sacrifici, le lacrime e il sangue. I sindaci, dispiace sottolinearlo, vengono lasciati soli a dover dare risposte, che essi stessi non hanno e il discorso vale per tutti, non soltanto per le amministrazioni guidate dal centrodestra. Nel Salento la situazione è identica tanto a Maglie quanto a Campi Salentina, solo per fare qualche esempio.
La chiusura di ospedali importanti come quelli di Campi Salentina, Maglie e Poggiardo determinerà, inevitabilmente, dei deficit in ambito sanitario, andando ad incidere pesantemente su una situazione, che già oggi non si può definire rosea. Le liste di attesa si allungheranno, i servizi sanitari saranno sufficienti, la sanità continuerà ad essere un diritto tutelato e garantito? E in che modo? Quali servizi si attiveranno per supplire ai tagli? Queste domande rimbalzano dal nord al sud del territorio e a queste domande occorre dare risposte chiare, spiegando le scelte fatte e quelle che si faranno.
Questo chiedono i sindaci del Salento – conclude Buccoliero – questo chiede la gente, che ha diritto ad avere delle risposte”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

nove + 12 =