Promuovere i valori dell’Italia Unita nelle scuole: è questo lo scopo principale del progetto MUST150, voluto dal Comune di Casarano e dal Liceo Docet, in partenariato con la Cattedra di Diritti Umani dell’Università del Salento e con sette Istituti scolastici del territorio casaranese.

Venerdì 21 gennaio 2011 si svolgerà una delle azioni più importanti dell’intero progetto: 66 ragazzi degli Istituti Superiori aderenti (Liceo Scientifico “Vanini”, Liceo Classico e I.T.C. “De Viti De Marco”), dopo aver completato un lungo periodo di formazione presso le strutture convenzionate, formeranno delle famiglie letterarie, adottando oltre cento bambini delle scuole elementari dei Poli 1 e 3 di Casarano. Lo scopo dell’azione sarà quello di favorire, attraverso metodologie didattiche innovative e ispirate alla peer education, l’emersione dal basso di una nuova identità italiana basata sul rispetto e sulla promozione dei diritti umani in chiave autenticamente universale.
Il pullman dei ragazzi di Must, accompagnati dal Presidente del Liceo Docet Lucia Saracino, dal titolare della Cattedra di Diritti Umani dell’Università del Salento, prof. Attilio Pisanò, dal Sindaco di Casarano Ivan De Masi e dai referenti progettuali Lina Rossetti, Maura Russo, Maria Rosaria De Rocco e Roberto Molentino, partirà alle 8,30 alla volta del POLO 1, dove si svolgerà la prima parte della “missione didattica”; alle 10,30 i ragazzi di MUST incontreranno i bambini del POLO 3 San Domenico e infine, alle 11,30, i bambini del POLO 3 di Piazzetta Bastianutti già Piazza IV Novembre.
“Quella del 21 gennaio è un’azione di grande importanza”, afferma Lucia Saracino, “L’Italia Unita ha bisogno dei suoi ragazzi più capaci per ritrovare lo spirito e l’essenza dei suoi valori più autentici, che vanno necessariamente trasmessi alle generazioni più giovani, a partire proprio dai più piccoli. I ragazzi di MUST, selezionati per partecipare ad un progetto che sapevamo essere molto impegnativo, hanno saputo svolgere con grande impegno e senso di responsabilità tre mesi di intense attività di preparazione: ora sono pronti per trasmettere quanto appreso. E’ il secondo anno che proponiamo la modalità didattica dell’adozione tra ragazzi e bambini e siamo consapevoli della straordinaria ricaduta positiva che essa può avere in termini di educazione alla cittadinanza attiva e alla partecipazione democratica”.
“L’unità nazionale – aggiunge il sindaco Ivan De Masi – è un valore che dobbiamo affermare con decisione, contro le spinte secessionistiche che da più parti mettono a rischio la nostra identità come Popolo e come Nazione. Essere italiani deve essere per ogni nostro ragazzo un motivo di orgoglio ed uno stimolo a migliorare se stessi e la società nella quale viviamo. Per questo non posso che fare un plauso al Liceo Docet e a tutti coloro che partecipano attivamente a questo importante progetto”.
Il video-documentario delle fasi salienti della giornata sarà presentato il 17 marzo 2011 presso il Teatro della Fondazione Filograna di Casarano alla presenza delle autorità cittadine e con illustri ospiti nazionali e internazionali.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × uno =