Foto Andrea Stella“Giocare questa gara a porte chiuse sarebbe un dispiacere molto grande, perche’ questo derby e’ una gara molto bella e la gente si merita di venire allo stadio per assistere a questo spettacolo”. E’ il pensiero dell’attaccante del Lecce Chevanton in attesa di una decisione definitiva sul derby con il Bari.

Parlando invece del match sul piano calcistico l’uruguaiano dice: “Sinceramente non mi preoccupo tanto del Bari, ma di quello che possiamo fare noi. Finora siamo riusciti a fornire buone prestazioni, magari non siamo riusciti a mantenere la concentrazione alta per tutta la gara e in questo dobbiamo migliorare. Rispetteremo il Bari come qualsiasi altra squadra, ma dobbiamo pensare solamente a noi. Vincere significherebbe mettere assieme tante cose: sappiamo il valore di questa partita per la nostra gente e poi con la vittoria lo stacco in classifica tra noi e loro diverrebbe importante”. Sui propositi del Lecce alla ripresa del campionato Chevanton sottolinea: “E’ un momento importante sia per me sia per la squadra, anche se lo e’ di piu’ per il Lecce. Tutti noi sappiamo l’importanza di questa partita contro il Bari e il suo significato. Speriamo di fare bene e ottenere i tre punti. Questa gara per me e’ speciale e ci terrei tanto a scendere in campo, anche se alla fine e’ il mister a dover fare le sue scelte. Cosa mi ha lasciato l’espulsione e la conseguente squalifica per quattro giornate? Da tutto si puo’ imparare qualcosa: mi sono pentito e ho capito lo sbaglio commesso per la reazione che ho avuto dopo il cartellino rosso. Ormai fa parte del passato, ora dobbiamo pensare al futuro e a giovedi’. Durante queste giornate di squalifica ho lavorato tanto, anche nei giorni in cui sono stato in Uruguay ho continuato a allenarmi”.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.